George R.R. Martin: l’obbligo verso i fans e il coinvolgimento con Game of Thrones

In una recente intervista George R. R. Martin ha parlato del suo rapporto con i fans e sul suo obbligo verso quest’ultimi di finire la storia de “Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco“.
Ecco qui una parte dell’intervista:
Intervistatrice: 
Hai milioni di fan fedeli che chiedono il prossimo volume. 
Alcuni anche in modo non troppo educato, addirittura con delle pretese.
Ti sento in obbligo verso questi fan?
Martin:
“Obbligo” è una parola strana, io non userei questa parola. Sicuramente sento il desiderio di finire il libro.
E c’è da dire che da un lato ricevo queste mail pretenziose che stavi descrivendo, dall’altro ci sono tantissimi fan che mi supportano e dicono “prenditi il tuo tempo, amiamo i tuoi libri, quando sarai pronto noi ci saremo”.
Ovviamente preferisco frasi del genere al “quando l’avrai finito?”
Ormai non rispondo nemmeno più a questa domanda.
Le prime volte, soprattutto dopo il terzo libro, dato che per il quarto ci ho messo tantissimo tempo, le persone continuavano a chiedermi quando avrei finito questo libro e io rispondevo una data e.. il libro per quella data non era pronto perché magari c’erano stati problemi, avevo deciso di riscrivere alcune parti e cambiarne altre e così via.
E quando tu dici una data ma non riesci a rispettarla, una parte del pubblico pensa che tu lo stia facendo apposta.
Addirittura ci sono strane teorie di cospirazione che insinuano che io abbia finito i libri anni fa ma che li stia pubblicando lentamente solo per massimizzarne i profitti o robe così.
Si sentono un sacco di storie folli. Fanno pressione, ma l’obbligo di cui parli lo sento per l’opera stessa.
Sto raccontando una storia, non importa in quanti libri sia suddivisa.. 3, 4.. 7 libri.. è una sola storia. 
Un po’ come “ll Signore degli Anelli” di Tolkien è una sola storia. Ha un inizio, un sacco di parti al centro e.. eventualmente avrà una fine.
Intervistatrice:
La pressione a cui i tuoi fan, le persone dell’HBO e i tuoi editori ti sottopongono ti infastidisce? Ti rende più difficile scrivere?
Martin:
Si, da un certo punto di vista si ma se la scrittura sta procedendo bene non ha importanza.
Quando sono li e sto lavorando è come se cadessi dentro lo schermo del mio computer e mi dimenticassi del mondo, delle scadenze, della serie tv, delle mail e di tutta questa roba.
Siamo solo io e i personaggi in questo mondo che sto descrivendo, e scrivo una pagina alla volta, una scena alla volta, una parola alla volta.
Intervistatrice: 
Hai trascorso del tempo come sceneggiatore e hai scritto diverse sceneggiature di episodi per l’HBO. Vorresti poterle scrivere per tutti gli episodi?
Martin:
Vorrei poterne scrivere di più. Abbiamo 10 episodi a stagione e di solito io ne scrivo uno.
Se non stessi scrivendo i libri probabilmente parteciperei maggiormente allo show e potrei scrivere anche due o tre episodi per stagione. Sarebbe divertente.
Posso sperarci ma non avverrà. Devo ancora scrivere due enormi libri.
Sto lavorando a “The Winds of Winter” che sarà un bel tomo e poi ci sarà “A Dream of Spring”, un altro mostro di 1500 pagine.
Per questi libri ci vuole tantissimo tempo e scrivere anche un solo episodio per stagione mi sta diventando difficile.
Devi lasciare il libro da parte, tornare indietro a cose che hai scritto dai 2 ai 7 anni fa e creare una nuova versione della storia. Tutto ciò interrompe la stesura dei libri.
Vorrei poter essere maggiormente coinvolto nello show, vorrei poter essere a Belfast sul set, vorrei prender parte a tutte le audizioni e ai casting, vedere le cose giorno per giorno e essere li come ho fatto per altre serie come “Beauty and the Beast” e “The Twilight Zone” quando ero più attivo in campo televisivo ma la verità è che.. ora non posso.
George R.R. Martin per Entertainment Weekly
 al San Diego ComicCon 2014
L’intera intervista è lunghissima, se ve la cavate con l’inglese e volete ascoltarla tutta eccola qui.
Vi ricordiamo che per parlare di eventi successivi alla serie tv e inerenti ai libri, potete trovarci su A Song of Ice and Fire – Addicted su Facebook. Solo se siete al pari con i libri, siete avvisati! 

Alex

Rispondi