Kit Harington: Essere chiamato figo è “umiliante”

“Essere sempre messo su un piedistallo solo perché ti considerano figo è leggermente umiliante”, si lamenta Kit Harington, 28 anni, che recita nella parte di Jon Snow nella serie TV di successo Game of Thrones, vincitrice di molti premi.

“Lo è davvero e nello stesso modo in cui lo è per le donne. Quando un attore viene notato solo per la sua bellezza fisica, può risultare abbastanza offensivo”.

Non si sente spesso un attore lamentarsi di essere trattato come un oggetto sessuale, ma sembra che il fanbase di Game of Thrones possa essere piuttosto passionale.
Kit si spiega meglio:

“Beh, non sono soltanto gli uomini a poter essere sessualmente inappropriati; lo possono essere anche le donne. Faccio parte di uno show televisivo di successo nel ruolo di uomo che si trova al comando e a volte può sembrare che la tua arte venga messa in disparte di fronte al tuo sex appeal. E non mi piace”.

“Quando ti trovi in questa posizione ti senti spesso chiedere: ‘Ti piace essere una persona così amata? Ti piace essere figo?’ Beh, la mia risposta è: ‘Non è il motivo per cui ho iniziato a fare questo lavoro”.

Sia quel che sia, i suoi addominali scolpiti, gli zigomi alti e gli occhi profondi, pieni di sentimento, l’hanno senza dubbio vantaggiosamente aiutato a mantenere il lavoro. È un membro regolare del cast nella serie drammatico-fantastica estremamente popolare sin da quando è apparsa sugli schermi nel 2011.
Kit è stato contagiato da qualcuna delle tendenze da guerriero di Jon Snow?

“Beh, ho un guerriero interiore”, sorride. “E sono orgoglioso del mio guerriero interiore. Combatte per me ogni giorno. È una delle cose che mi piacciono di me stesso. Riesco a essere piuttosto coraggioso in certe situazioni e allo stesso tempo spericolato. Come Jon, proprio come Jon”.

In quali altri modi assomiglia a Jon Snow?

“Credo il modo in cui entrambi siamo delle pecore nere, nonostante io non mi senta un escluso all’interno della società come lui, ma a volte condivido la sua difficoltà a integrarmi. Inoltre, siamo persone piuttosto riservate. Posso essere introverso tanto quanto Jon. Non sono bravo per natura a essere estroverso, ad attirare l’attenzione”, afferma. “Anche se in compagnia dei miei amici so essere piuttosto vivace”.

Prossimamente vedremo Harington molto di più. Mentre i fans aspettano con impazienza la quinta stagione di Game of Thrones, che comincerà a essere trasmessa il 13 aprile, Harington cambia armadio e si lascia le sue pellicce da guerriero alle spalle per recitare nel nuovo film sulla Prima guerra mondiale, Testament of Youth, basato sulle memorie di Vera Brittain.

“Sono un romantico senza speranze, magari a volte anche esageratamente, perché mi ha portato dei guai”, ride. “Ma amo le storie d’amore. Credo che siano uno dei piaceri più grandi nella vita. Si tratta di regalarsi qualcosa a vicenda, di donare qualcosa e dovrebbe essere un atto estremamente disinteressato. È come dire: ‘Ho affittato un piccolo cottage da qualche parte. Partiamo! Sorpresa!”.

Nonostante Harington possa esprimersi con parole dal sapore lirico sul valore dell’amore e del romanticismo, conferma che attualmente, per quanto riguarda la sua situazione sentimentale, è single. La sua ultima relazione nota è stata con la sua ex co-star in Game of Thrones, l’attrice scozzese Rose Leslie, che sullo schermo interpretava la sua amante/nemica Ygritte. La loro storia di tira e molla è finita l’anno scorso.

“Sono single e lo sono da un po’. E quando ho detto che sono un romantico senza speranze, sto provando non solo a cercare l’amore della mia vita, ma anche a imparare a essere felice con me stesso e con chi sono io come persona”, dichiara sinceramente.

Spero che quell’adorabile fanciulla un giorno arriverà. E nonostante ami le storie d’amore, sto cercando di vivere senza per il momento”. (Si era anche detto che avesse avuto una relazione con la bellezza australiana Emily Browning, con la quale aveva recitato in Pompeii l’anno scorso.)

E come Jon Snow, Harington ha la stessa debolezza quando si parla di donne. Ride.

“Le ragazze con i capelli rossi”, dice, annuendo. “Amo le ragazze con i capelli rossi”.

Parlando di capelli, solleviamo l’argomento della molto discussa zazzera di ricci neri che questo pomeriggio, all’hotel Four Seasons a Beverly Hills, non sono poi così selvaggi come lo sono nella serie TV.

Prevedibilmente, la condizione dei suoi capelli non è uno dei suoi argomenti preferiti.

“Sì, mi infastidisce”, risponde irritato. “Le persone rimangono affascinate da cose molto particolari e lo trovo molto interessante, che sia uno slogan o i capelli di qualcuno… Ma adoro che dicano che ho dei capelli splendidi. Suppongo che sia fantastico nella vita, no?” Ride. “Specialmente perché ho il terrore di diventare calvo”.

Traduzione: Chiara B.
Fonte: Pagesix

Commenta questo post

Alex

3 Comments

  1. un uomo o una donna che ha la fortuna di avere sex appeal dovrebbe ringraziare la sua buona stella o la genetica e fare meno la vittima.
    Il sex appeal esiste, non ce ne dobbiamo vergognare se lo abbiamo

  2. Sì, ma non credo faccia piacere essere riconosciuti solo per quello quando ci si impegna in altre cose. E poi è abbastanza umiliante e brutto sentirsi degli oggetti.

  3. Figo??questo sarebbe un figo??Io vorrei sapere chi ha raccomandato sto torso di broccolo che ha rovinato tutta la parte dei guardiani in cui purtroppo lo fanno ciondolare (perchè la sua interpretazione non si può assolutamente chiamare recitazione)!

Rispondi