Kit Harington parla della brutale decisione di Jon (e del perché l’ha turbato)

Nell’episodio di Game of Thrones di domenica sera, Jon Snow ha affrontato la prova più importante del suo ruolo di leader in quanto Lord Comandante dei Guardiani della Notte. La sua decisione letale segna una dura evoluzione per il personaggio, ma girare questa scena è stato sgradevole per Kit Harington.

In quest’episodio, “High Sparrow”, il neo eletto Snow è stato sfidato Kit Harington - Jon Snowpubblicamente dopo che il vigliacco cospiratore Janos Slynt ha rifiutato un suo ordine diretto. Jon voleva che Slynt assumesse il comando di Guardia Grigia (un castello abbandonato situato lungo la Barriera) e fortificasse l’avamposto. Slynt si è rifiutato ripetutamente, quindi Jon l’ha fatto trascinare nel cortile del Castello Nero, dove l’ha decapitato personalmente.

“C’è un importante confronto con il momento in cui [nella seconda stagione] Jon ha catturato Ygritte e sa che dovrebbe ucciderla ma non ci riesce perché è una persona troppo buona”, racconta Harington a EW. “Qui si trova nella stessa situazione. Sta pensando: ‘Posso uccidere un uomo a sangue freddo?’. E stavolta lo fa. È un grande cambiamento per Jon”.

Harington ha anche fatto notare che in quella scena Jon sta facendo giustizia per suo padre, Ned Stark, anche se non se ne rende conto (Slynt comandava la Guardia Cittadina di Approdo del Re, e aveva tradito e arrestato Ned, nella prima stagione).

“Sento che in qualche modo Jon sa, da qualche parte nel profondo, che Slynt è un uomo ingiusto che ha fatto delle cattiverie, ed è questa consapevolezza che gli dà il potere di ucciderlo”, dice.

Tuttavia, girare questa parte è stato difficile. I video dei fondamentalisti islamici dell’ISIS che decapitano i prigionieri venivano mostrati frequentemente dai media verso la fine dell’anno scorso, mentre Game of Thrones era in produzione. Harington sostiene che gli orrori della vita reale hanno reso più arduo fingere di decapitare un prigioniero di fronte a una telecamera.

“Mi ha turbato a causa delle notizie attuali, di quello che stava succedendo all’epoca”, dichiara Harington. “E io lo stavo facendo di fronte a una cinepresa. È sembrato davvero fuori luogo.”

Game of Thrones è ispirato alla storia medievale europea e le esecuzioni per decapitazione sono un fatto abituale nello show – infatti, l’episodio della scorsa settimana mostrava una scena simile. Ed Harington è svelto a sottolineare che non crede che Game of Thrones avrebbe dovuto rinunciarvi.

Non si possono evitare gli orrori nelle serie drammatiche e nemmeno ciò che si vede fra le notizie ogni giorno”, dice. “Ma che lo debba fare Jon – per qualsiasi ragione, giusta o sbagliata, lo stia facendo – lui è un personaggio che amo, è dalla parte dei buoni nella storia, e che debba commettere quest’assassinio a sangue freddo, questo per me è stata la parte più controversa della stagione”.

 

Traduzione: Chiara B.
Fonte: Entertainment Weekly

Alex

Rispondi