Ian McElhinney (Barristan Selmy) parla della scena finale in “Sons of the Harpy”

AVVISO: QUEST’ARTICOLO RIVELA IL FINALE DEL CLIFFHANGER ALLA FINE DELL’EPISODIO 4 DI GAME OF THRONES

barristan-selmy
BARRISTAN! NOOOOOOOOOO!

Questo è stato il grido collettivo dei fans risuonato per Twitter domenica sera, quando la potente Guardia della Regina di Meereen ha eliminato una dozzina di Arpie, alla fine solo per morire egli stesso, dato che non indossava alcuna armatura (era il suo pomeriggio libero, dannazione!).
È stata la prima volta che abbiamo visto l’arturiano ritorno in azione del vecchio cavaliere sin da quando era partito da Approdo del Re, tanto tempo fa.

Nei libri, Barristan il Valoroso respira ancora. Perché questa battaglia per lui ha dovuto essere l’ultima? Perché ha dovuto morire?
E, soprattutto, era Ian McElhinney quell’attore, che era stato menzionato molto avventatamente ancora prima che l’episodio pilota venisse trasmesso, che aveva rivelato che, da lettore, era rimasto sorpreso dalla scoperta di dover morire? Di fatto, sì. Era lui.
Abbiamo scoperto questo, e molto altro, da McElhinney quando è stato intervistato da Entertainment Weekly per alcune parole d’addio.
Innanzitutto, ci tiene a dire ai lettori di non agitarsi per il fatto che è giunta l’ora del suo personaggio.
Le richieste della TV sono diverse da quelle della stesura di un libro. Quando si ha a che fare con la TV c’è la pressione di dover creare un certo numero di momenti clou. Una delle cose più di successo di questa serie – è vero nei libri e lo è ancora di più nella serie – è l’elemento sorpresa, lo shock. Devono continuare così perché la gente se lo aspetta. Non si può predire nulla ma si può prevedere che ci saranno delle sorprese.
McElhinney è anche stato compiaciuto dal fatto che, prima della fine, Barristan sia riuscito a mostrare la sua prodezza nel combattimento:

Barristan Selmy

Doveva essere visto combattere. Di lui si è parlato come del più grande cavaliere che sia mai esistito, quindi doveva combattere. Ed è splendido che lo faccia. C’è un bel contrasto con la scena che abbiamo fatto sul balcone con Daenerys e quello che succede subito dopo.

EW sottolinea che la battaglia con le Arpie non è stata l’ultima scena che ha girato. Quell’onore è andato alla scena con Daenerys, sul balcone, quando le ha parlato di Rhaegar.
McElhinney parla della sua scena preferita di tutta la serie:

…la scena in cui, nella prima stagione, dice a re Joffrey: “Al diavolo”, ed esce infuriato. Mi è piaciuto girarla. Mi sarebbe piaciuto lavorare di più con persone come Lena, per esempio. Trovo straordinario di essere arrivato a questo punto e non aver mai conosciuto Peter.

Aspetta, davvero? È stato nello show per cinque stagioni e non ha mai conosciuto Peter Dinklage?

Bè, Tyrion non arriva ad Approdo del Re fino a dopo la partenza di Barristan, e non è ancora arrivato a Meereen. La dimensione e la portata della produzione sono tali che queste cose possono succedere. Ma è comunque sorprendente realizzare che se Barristan avesse vissuto solo un paio di episodi in più, avrebbe potuto finalmente lavorare con Tyrion.

Ah, vabbè. Brindiamo tutti a Barristan Selmy, un cavaliere incrollabilmente leale che ha creduto abbastanza nella causa di Daenerys da dare la vita per essa.
Rhaegar Targaryen paga da bere con i soldi che ha guadagnato come musicista di strada.

Traduzione: Chiara B.
Fonte: Winter Is Coming

Alex

Rispondi