Gli showrunner di Game of Thrones analizzano la scena scioccante dell’ultimo episodio

 Attenzione: questo post contiene un grosso spoiler riguardo l’ultimo episodio di Game of Thrones, “The Dance of Dragons”.

D.B.-Weiss-and-David-Benioff-Helen-Sloan

Showrunners: Dan Weiss e David Benioff

Questo potrebbe essere il momento più buio di sempre per Game of Thrones.
L’episodio di domenica del successo di HBO si è concluso con un omicidio così scioccante e da voltastomaco da diventare probabilmente una delle sequenze più orripilanti dello show, che in tutto il mondo è famoso per sconvolgere i suoi fan e per aver fatto di ciò un’ingegnosa e sanguinaria abitudine.

A metà dell’episodio di domenica, “The Dance of Dragons”, Stannis Baratheon, dopo il fallimento della sua campagna militare, con le sue truppe congelate nella neve, ha sacrificato sua figlia Shireen in un ultimo disperato tentativo di cambiare il suo destino. Di fronte alle esortazioni di Melisandre, Stannis ha ordinato che la giovane ragazza fosse bruciata viva. Il cammino di Shireen fino alla pira funeraria, la sua crescente consapevolezza di ciò che stava accadendo, e il ripensamento, troppo tardivo, di sua madre sono stati devastanti per i fan, che più indietro nella stagione erano andati in estasi per una scena in cui Stannis, solitamente stoico, aveva rassicurato la figlia del suo amore.

Lo showrunner di Game of Thrones Dan Weiss ha parlato con EW a proposito di questa sequenza, e di come si leghi all’esplorazione del fanatismo nello show.

“In questo show, accadono cose orribili alle persone, e pensavamo che questa fosse interamente [dal punto di vista narrativo] giustificata”, ha affermato Weiss. “È stata causata dalla situazione difficile in cui si trovava Stannis. Sarà tremendo da vedere, ma è così che deve essere”.

Quando abbiamo fatto a Weiss la domanda che sicuramente i fan si sono posti ieri sera, “come avete potuto fare questo a Shireen?”, Weiss ha filosoficamente osservato che si potrebbe “girare la domanda” in una discussione più ampia a proposito di come siamo tutti altamente selettivi riguardo quali personaggi meritano la nostra empatia. Stannis ha bruciato vive delle persone per delle ragioni apparentemente superficiali a partire dalla seconda stagione, ma siamo comunque stati propensi a vederlo come un grande leader – perlomeno, secondo gli standard del Continente Occidentale.

“È un sistema a due livelli”, ha spiegato. “Se un supereroe distrugge un edificio in cui ci sono cinquemila persone, che possiamo presumere ora siano morte, che importanza ha? Non sono persone che conosciamo. Ma se un cane che ci piace viene investito da una macchina, è la cosa peggiore che abbiamo mai visto. Capisco perfettamente da dove provenga quella reazione viscerale. Io ho la stessa reazione. È anche un po’ una stronzata. Quindi invece di dire ‘come avete potuto fare questo a qualcuno che conoscete e di cui vi importa?’, magari se sta succedendo a qualcuno che non conosciamo così bene forse dovrebbe colpirci tutti un po’ più forte”.

Shireen-baratheonIl che è esattamente il tipo di domande morali che Game of Thrones suscita così spesso. Come dopo le brutali Nozze Rosse della terza stagione, quando Tywin Lannister chiese se uccidere tutti i personaggi che amavamo a una festa di matrimonio fosse sbagliato se farlo avesse terminato una guerra e salvato migliaia di vite anonime.

Nel video dietro le quinte di HBO, il co-showrunner David Benioff ha aggiunto che l’autore delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco aveva riferito ai produttori di questo colpo di scena (suggerendo che questo evento possa accadere anche in uno dei prossimi libri).

“È stato uno di quei momenti in cui ricordo di aver guardato Dan e aver pensato che era così orribile ma anche così geniale dal punto di vista della storia”, ha rivelato Benioff. “La primissima volta che abbiamo visto Stannis e Melisandre, stavano bruciando viva della gente sulle spiagge di Roccia del Drago e ora siamo davvero arrivati a questo. Si è parlato così tanto di sangue reale e del suo potere, e alla fine tutto ha portato, fatalmente, al sacrificio di Shireen, uno dei momenti più terribili che abbiamo mai girato… È ovviamente la decisione più dura che Stannis abbia mai fatto nella sua vita: per lui, tutto è ridotto allo scontro fra ambizione e amore famigliare, e, tristemente, la sua scelta è l’ambizione.”

Weiss ha anche aggiunto che il fanatismo religioso negli accampamenti di Stannis dà un significato in più all’assassinio di Shireen, che ci può fornire alcuni spunti di riflessione per quanto riguarda il mondo reale.

“Chi guarda Game of Thrones non vede lo stesso mondo di Stannis e Melisandre”, ha detto Weiss. “Per quei personaggi, la magia è reale e funziona. È la parte divertente di questo genere, perché quando la magia è vera e puoi vederla con i tuoi occhi nello show, ti apre una finestra nelle menti delle persone che credono negli aspetti irrazionali della fede. Non riesco proprio a capire come agiscano quelle persone nel nostro mondo, perché sono totalmente distanti dal modo in cui io lo gestisco. Quindi, in un certo senso, il fantasy è una finestra distorta nelle teste delle persone che farebbero qualcosa di terribile per un motivo irrazionale”.

 

Traduzione: Chiara B.
Fonte: Entertainment Weekly

Commenta questo post

Alex

3 Comments

  1. Stannis sceglie l’ambizione?!?
    Ok è ufficiale, non ho capito niente del personaggio dopo i libri letti.
    E ok che qui stiamo parlando della serie tv, ma hanno stravolto completamente un personaggio. Mah, vabbè, non mi è mai rimasto molto simpatico. 🙂

    • Leggendo i libri io l’ho sempre interpretato come un uomo troppo freddo e rigido, disposto a tutto pur di andare avanti in quello che vuole fare.
      Trovo la scelta di bruciare Shireen un po’ insulsa solo in quel contesto (20 uomini ti bruciano roba in una notte e sei nel panico TOTALE?) ma non la vedo molto fuori dal personaggio.
      Non mi è mai brillato di simpatia Stannis 😛

      • Nei libri l’ho sempre visto come un uomo “doverizzato” in tutto. Fa le cose perchè deve farle, perchè il suo codice morale gli dice così, e senza ombra di esitazione le deve fare perchè altrimenti appare debole o non meritevole del trono. E perchè ovviamente ha sempre visto Robert come un c****e e fa di tutto per fare l’opposto suo, anche passare dalla parte del torto, come quando non mostra pietà per nessuno. Comunque, non so, magari proprio perchè è un personaggio che non mi è mai piaciuto ho letto i suoi comportamenti in questa ottica.
        Nella serie ho visto un po’ di contraddizione tra il discorso “you’re my daughter, Shireen” e l’arrosto di figlia due puntate dopo. 🙂
        Anche qui, sarà che per Shirieen ho sempre provato un affetto immediato e quindi vedo solo l’atrocità del gesto per un personaggio che mi stava simpatico. E magari anche nei libri accadrà la scena tanto atroce della 5×09 (ho ancora in mente le sue urla piccina).

Rispondi