Kit Harington: “Non sarò nella prossima stagione”

Attenzione: questo articolo contiene un grosso spoiler riguardante il finale della 5 stagione di Game of Thrones.

 

bbbLa storia di Jon Snow, il bastardo di Grande Inverno, è giunta ad uno straziante e presunto termine domenica notte, con il finale della quinta stagione di Game of Thrones. Dal momento del suo arrivo al Castello Nero, Snow non ha mai davvero legato con il gruppo di criminali e reietti che hanno giurato di difendere la Barriera. Con il susseguirsi delle stagioni, il rapporto di Jon con i suoi fratelli in nero è diventato sempre più teso, specialmente una volta che ha fatto entrare un esercito di Bruti al Castello Nero, cercando di rinforzare i propri numeri in modo da proteggere meglio il reame dalla minaccia degli Estranei. Stanotte, un gruppo di cospiratori ha affondato i propri pugnali nel loro Lord Comandante, ed è stato il giovane protetto di Snow, Olly, la cui famiglia è stata massacrata dai bruti, ad assestare il colpo finale.

Abbiamo parlato con Kit Harington di questo colpo di scena – e della presunta morte di Snow.

EW: Qual è stata la tua reazione quando hai saputo del destino di Jon?

Come in ogni stagione, leggi qualcosa nel copione e dici “Oh ca**o.” Avevo una mezza idea che sarebbe successo presto. Non avevo letto La Danza dei Draghi. Ma ho letto gli altri libri e avevo sentito che questo era quello che accadeva. Quindi avevo un sentore che sarebbe stato in questa stagione. Non avevo capito che sarebbe stata l’ultima scena della stagione e questo l’ha reso ancora più speciale. Davvero, è sempre bello quando tu sei l’ultima cosa che succede in quell’episodio. Non so, mi è piaciuto tantissimo. Ho adorato il fatto che abbiano reso Olly la persona che mi uccide. Amo come abbiano concluso la storia con Thorne. Penso sia stato realizzato molto bene da David Benioff e Dan Weiss. Sembrava il modo giusto di farlo accadere.

Pensi che Jon abbia fatto degli errori importanti, o ha fatto la cosa giusta – ma perso la vita in ogni caso?

C’è una buona parte di colpa. Non ha prestato attenzione alle persone che gli stavano attorno. In questa stagione ha guardato solo al quadro generale. La errore più grande è un po’ lo stesso di Ned, nel senso che, cercando di fare la cosa giusta, non ha osservato le persone vicine a lui. Aveva il paraocchi. Tutto quello che riusciva a vedere erano la rovina imminente che proveniva dagli Estranei e l’agire per il bene superiore, ma quello che si perdeva erano Olly e Thorne e altri tra gli uomini intorno a lui. Non si rendeva conto del loro malcontento e non si è occupato dei problemi minori. E, a causa di questo, gli è stata servita giustizia. Olly lo pugnala per ultimo. In quel momento penso che si renda conto di non aver badato alla sua gente, a questo giovane uomo, e di averlo deluso.

L’ammutinamento dei Guardiani della Notte è decisamente giustificato dalla storia. Ma abbiamo visto che anche lui è cresciuto, evolvendosi in un leader durante questi anni e quindi sembra che quella crescita debba essere ripagata con qualcosa di grande – più che per altri personaggi che abbiamo visto morire nella serie. Ovviamente ha realizzato molte cose durante il periodo nei Guardiani della Notte, ma c’è una sensazione di “questo non è quello che sarebbe dovuto succedere, era destinato a cose migliori.”

Sì, ma dobbiamo attenerci a quello che fa Thrones.  E Thrones tratta il dramma come la vita reale. E le persone muoiono e non realizzano quello che pensavamo fossero fatte per realizzare, nella vita vera. E penso che sia uno dei tratti più forti di Thrones. La perdita più grande, con la storia di Jon, è che non scopre mai chi fosse la madre e questa per me è la parte straziante.

L’anno scorso hai detto che l’unica cosa che volevi davvero per il tuo personaggio, era che scoprisse proprio quello.

E non lo scopre. Quindi non so. Questo è il modo in cui Thrones fa le cose e sono molto interessato nel vedere la reazione del pubblico. Spero che non sarà, “Ca**o sì, finalmente è fott****te morto.”

P5x09 A Dance of Dragonsenso che saranno devastati – anche quelli che dicono, “Tyrion è il mio personaggio preferito” o cose simili. Non puoi aver guardato questa serie, aver visto il tuo personaggio crescere per tutti questi anni e non sentirti preso a calci nello stomaco per quello che succede alla tua storia.

Spero che sia così.

Ho parlato con Dan Weiss e mi ha detto che Jon è davvero morto. Ma George R.R. Martin nei libri ha lasciato aperta la possibilità che il personaggio non sia morto. E poi l’anno scorso è uscita fuori quella storia sullo stipendio del cast e il tuo nome era tra quelli che avrebbero ricevuto un aumento per la sesta stagione e il diritto di opzione per la settima. Quindi lascia che te lo chieda: Jon è veramente morto?

Per quanto ne so io, sì. Mi sono seduto con Dan e David, abbiamo fatto la camminata di Tony Soprano [far sapere ad un attore che sarà eliminato]. E hanno detto, “Senti, sei morto, è finita.” E per quanto riguarda la storia dello stipendio, mi ha fatto davvero arrabbiare il fatto che sia uscita fuori. Non so da dove sia partita, ma era errata per varie ragioni. Farà pensare ai fan che le cose non sono come invece sono. Onestamente, nessuno mi ha mai detto niente sul futuro in questa serie, ma questa è stata l’unica volta che è successo. Mi hanno fatto sedere e mi hanno detto, “Le cose stanno così.” Se poi qualcosa nel futuro non sarà così, io non ne so nulla – è solo nelle teste di David, Dan e George. Ma mi hanno detto che sono morto. Sono morto. Non tornerò nella prossima stagione. Quindi è tutto quello che posso dirti, davvero.

Com’è stato il tuo ultimo giorno sul set?

Ho avuto una grande fine delle riprese, come ogni attore che muore in Thrones, volevo solo andarmene, ca**o – mi è venuto da piangere. Sono stato più commosso ed emotivo di quanto pensassi.

Qualche regalo d’addio? Ad esempio a Rose hanno dato il suo arco e una freccia.

No! A Rose hanno dato un ca**o di arco e freccia e io non ho ricevuto una mazza! Quindi sì, sono decisamente meno popolare di Rose.

Cos’hai in programma ora?

Sto cercando qualche film per il prossimo anno. Sto vivendo un momento molto fortunato – posso rifiutare dei progetti e fare quello che preferisco. Sto considerando alcuni film, ma non posso ancora parlarne. Potrei andare in vacanza. Potrei provare a scrivere qualcosa. Sto cercando di capire cosa fare.

Una cosa di cui gli attori sono contenti dopo aver passato molto tempo in una serie, è che possono cambiare il loro aspetto. Hai intenzione di tagliarti i capelli?

Adesso sembro Jim Morrison. Non so cosa farò. Posso tagliarli se voglio, ma probabilmente è meglio lasciarli lunghi finchè non so quale sarà la prossima parte. Mi sono abituato ad averli così, sarebbe strano cambiare. [Nota: poco dopo quest’intervista, li ha tagliati.]

Qual è il ricordo al quale sei più affezionato?

La fine della scorsa stagione. La battaglia dell’episodio nove, è stata un’esperienza che ha fatto legare molto membri del cast come me e John [Bradley], Mark [Stanley] e Rose Leslie – ci siamo divertiti tantissimo a girare quell’episodio. Credo sia quello il mio momento preferito.

Qualche idea su come Thrones continuerà?

Crei aspettative enormi per la gente, come lo finisci? Non so come lo finiranno, ma penso di essere andato via durante una stagione fantastica. Credo che dovranno finirlo con la più epica fott**a battaglia che la TV abbia mai visto.

 

 

Traduzione: Alessandra P.
Fonte: Entertainment Weekly

Commenta questo post

Alex

Rispondi