Liam Cunningham su Davos e sull’arrivo di un episodio più bello di “Hardhome”.

Liam Cunningham

Dopo essere stato inattivo per mesi, il blog “Making Game of Thrones” si è risvegliato nelle ultime settimane. Ora, per promuovere la sesta stagione di Game of Thrones, la HBO ha iniziato a pubblicare delle interviste ufficiali con il cast che riguardano la stagione in arrivo. Primo della lista: Liam Cunnigham (Davos Seaworth), che, da quando il periodo promozionale è iniziato, è dappertutto.

Tra tutti i membri del cast, Cunningham è sempre stato uno degli intervistati più entusiasti. In quest’intervista usa aggettivi come “gloriosa” e “meravigliosa” per descrivere la prossima stagione. E questo solo quando parla di un singolo episodio, che pensa supererà quello che finora era il suo preferito: Hardhome. Non che filmare quell’episodio sia stato facile.

“Ho guardato l’ultima mezz’ora (di Hardhome) con la bocca spalancata. E impallidirà in confronto a quello che vedrete. Quello che abbiamo fatto e la tristezza che abbiamo patito filmandolo, sarà assolutamente glorioso. C’è della roba meravigliosa in arrivo. Intendo davvero, davvero meravigliosa.”

Ma nonostante le battaglie siano al primo posto nella sua mente, non ha dimenticato che il suo personaggio – e Melisandre – hanno perso la ragione di vivere dopo la morte di Stannis.

“…la nostra ragione di vivere originaria – e quella che ci spingeva ad interagire – è stata rimossa, in un certo senso. Abbiamo avuto un rapporto di odio-odio e ora ci ritroviamo nella stessa barca. È un posto molto strano. Nel trailer sentiamo Melisandre dire che quello che ha visto nelle fiamme è sbagliato. La sua fede è scossa. Qualsiasi cosa abbia creduto, le si è ritorta contro e ha portato morte e distruzione. E Davos mostra una grande preoccupazione per lei, perché non sa che è stata lei ad aver bruciato la persona che più amava al mondo. Quindi vedremo come la cosa si svilupperà.”

Cunningham crede che la resistenza di Davos alla religione e il suo pragmatismo siano in parte quello che attrae il pubblico al suo personaggio. Quello, e il fatto che la visione del mondo di Davos sia incisa nella pietra. Per Cunningham, questa è probabilmente la parte più difficile del suo personaggio: mantenere le cose semplici. “Ha una sorta di – in mancanza di un termine migliore – prevedibilità, che può essere incredibilmente noiosa. Ma al tempo stesso, controlla le situazioni. Deve tirarsi indietro e vedere come le cose vengono incasinate, per poi prendere gentilmente il comando.”

“Gentilmente”, dice lui… O magari, come abbiamo visto nel trailer della sesta stagione, potrebbe prendere Lungo Artiglio (anche meno gentilmente) e guidare la carica. L’unica domanda è se Melisandre la guiderà al suo fianco, e per quanto tempo.
Voi cosa ne pensate?

 

Fonte: www.winteriscoming.net
Traduzione: Alessandra P.
Editing: Mariacristina M. (Aranel)

Commenta questo post

Alex

Rispondi