Tom Wlaschiha svela il vero volto di Jaqen H’ghar

Jaqen

 

L’attore dietro Jaqen H’ghar parla delle difficili relazioni che s’intrecciano nella Casa del Bianco e del Nero e di come interpreta uno dei personaggi più misteriosi della televisione in un’intervista di qualche giorno fa.

HBO: Com’è interpretare un personaggio così enigmatico?

Non so molto più di quanto sappia il pubblico. Come attore, interpreti i diversi lati del personaggio, e se sono contraddittori, allora ecco il segreto, o l’enigma. È grandioso interpretare un personaggio che ha così tante sfaccettature e non è diretto, perché ti dà l’opportunità di scoprirne diverse sfumature.

HBO: Come descriveresti il rapporto di Jaqen con Arya?

Credo che abbia decisamente un debole per Arya. Altrimenti non trascorrerebbe tutto quel tempo con lei e non cercherebbe di darle il miglior addestramento possibile. Ovviamente, data la durezza di tale addestramento, Arya non la vede in quel modo. Dopo la quinta stagione ho avuto molte reazioni dal pubblico che mi chiedeva “Perché? Cosa hai fatto?”  (riferendosi alla cecità di Arya, NdR).
Ma dal suo punto di vista, durante le varie stagioni, Jaqen è stato molto coerente riguardo a quello che vuole. Ha scelto Arya per un motivo, e non lo sta rendendo più facile per lei, ma si spera che sia nel suo interesse.

HBO: Perché pensi abbia scelto la cecità come punizione per Arya?

Per me ha senso, perché sembra crudele, ma d’altro canto i suoi altri sensi diventeranno ancora più acuti. All’inizio, Arya dice che deve muoversi come un gatto e non deve essere vista. Credo che essere cieca alzi semplicemente il livello rendendole tutto più difficile. Allo stesso tempo, se lei riuscirà a sopravvivere e a combattere nonostante il buio, la renderà ancora più forte.

HBO: Con tutte le scene di combattimento tra l’Orfana e Arya, vorresti che Jaqen avesse più scene del genere?

Sì, ma non penso lui sia il tipo. A Jaqen non piace sporcarsi le mani. Se fa qualcosa, è molto riservato. Non mostrerebbe mai che le cose implichino fatica; fa sembrare tutto quello che fa, semplice.

HBO: Pensi che Jaqen sappia dell’odio dell’Orfana verso Arya? Lo sta forse usando per raggiungere il suo scopo?

Staremo a vedere. Ma io penso che Jaqen sappia tutto; niente passa inosservato nella Casa del Bianco e del Nero.

HBO: Nel corso di tre stagioni, le dinamiche di recitazione tra te e Maisie Williams sono cambiate?

Noi due abbiamo sempre avuto un’ottima dinamica. Adoro come cambia il personaggio di Maisie. Lei cresce con il personaggio e il personaggio cresce con lei. Nella seconda stagione Arya era una ragazzina ingenua, e nella quinta stagione è già molto più –non voglio dire “calcolatrice” –, ma è consapevole delle proprie decisioni e pensa alle conseguenze. È grandioso per un attore interpretare un personaggio che cresce con te.

HBO: Il poster della sesta stagione di GoT è la Sala dei Volti… è strano correre nella Sala nel mondo reale?

Quando eravamo alla prémière di Los Angeles, sembrava che il party avesse luogo nel mio ufficio.

HBO: Cosa possono aspettarsi i fan per la trama che coinvolge Jaqen e Arya in questa stagione?

Per stuzzicare curiosità senza dire niente di compromettente… Beh, penso che la storia si stia muovendo verso un punto culminante. Jaqen vuole continuare con l’allenamento di Arya per renderla la miglior arma possibile, e vedremo se Arya lo asseconderà.

 

Fonte: Making Game of Thrones
Traduzione: Mariarosaria M.
Editing: Aranel/Mariacristina M.

Commenta questo post

Aranel

Graphic & Concept Designer, Illustrator and Cartoonist. But most of all, Art Lover. Daughter of the North. Nerd, and proud.

Rispondi