Concept Art della sesta stagione di Game of Thrones | parte 2

Come menzionato nell’articolo precedente, lo studio Karakter ha rilasciato le concept art della sesta stagione di Game of Thrones. Continuiamo qui la carrellata di illustrazioni pubblicate sul loro sito, partendo dalla Battaglia dei Bastardi!

Ad essere sincero non ricordo una scena di Wun-Wun che fa roteare un cavallo in aria, come quella raffigurata qui sopra, ciò non toglie che sia comunque un’idea fighissima.

Robert Simon, VFX concept artist, a riguardo ha dichiarato:

Come punto di partenza per la Battaglia dei Bastardi, abbiamo studiato le raffigurazioni delle battaglie nei secoli precedenti. Poi l’abbiamo esagerata il più possibile. Mostrando il peggio del genere umano.

Screen-Shot-2016-08-17-at-10.14.13-AM

Passiamo ad un altra battaglia, quella di Meereen. Presso i cancelli della città, i Dothraki di Daenerys affrontano i Figli dell’Arpia…

Dothraki-Sons-of-the-Harpy-concept-art

Dothraki-Sons-of-the-Harpy-concept-art-2

… mentre la loro Regina cucina griglia qualche nave.

Battle-of-Meereen-Concept-Art-2

Battle-of-Meereen-Concept-Art

Ci sono anche altre immagini del set di Meereen…

Meereen-Concept-Art-Game-of-Thrones

Meereen-Concept-Art-Game-of-Thrones-2

Restiamo ad Essos. Lo studio Karakter ci porta a Vaes Dothrak, dove Jorah e Daario danno un’occhiata alla città, sperando di salvare la loro regina.

Vaes-Dothraki-Concept-Art-Game-of-Thrones

La mattina dopo l’enorme incendio appiccato da Dany (vedi concept art nella prima parte dell’articolo), la città sembra molto meno spaventosa. E’ ora di fare i bagagli e ripartire!

Vaes-Dothraki-Concept-Art-Game-of-Thrones-2

Concludiamo questa seconda carrellata concludendo la parte relativa ad Essos. Ecco Daenerys che incita i Dothraki cavalcando Drogon.

Daenerys-Dothraki-Drogon-Game-of-Thrones-Concept-Art

Non avete ancora visto la prima parte di Concept Art?
Rimediate subito cliccando qui!


Continuate a seguirci, potrebbe arrivare una terza carrellata di Concept Art… 😉
Traduzione e adattamento: Alex A.

Commenta questo post

Alex

One Comment

Rispondi