George Martin consiglia “The Expanse”. Game of Thrones nello spazio?

“Era da tempo che non c’era una space-opera come si deve.” (George Martin)

Nessuna fregatura: George Martin consiglia veramente “The Expanse”. Se siete appassionati di science-fiction, complotti politici e misteri, siete nel posto giusto.

Questa serie fantascientifica nasce, prima di tutto, dai libri scritti da James S.A. Coery (nome fittizio dei due scrittori Daniel Abraham & Ty Franck, ex-assistente di Martin). In seguito è stata sviluppata da Syfy come serie tv.

Curiosità

Partiamo dal principio: George Martin, tempo addietro, aveva un assistente che poi ha preso la sua strada. Ty Franck, appunto.

Ty ha lavorato con Martin per aiutarlo nella gestione di alcuni siti. Siccome Martin non aveva mai avuto un lavoro vero e proprio, il modo in cui Ty è entrato alle sue dipendenze è stato molto informale. “Melinda (una amica in comune di George e Ty) dice che dovrei assumerti“, è stata la frase di Martin. E così Ty Franck, dopo aver spiegato cosa avrebbe potuto fare per lui, il giorno dopo era a casa sua ad installare il suo nuovo sistema, pc e quant’altro.

Ty ha effettivamente progettato il computer con cui Martin tutt’ora scrive.

…Lo definisce anche un’opera d’arte, con DOS e WordStar 4.0. Conferma inoltre che questo computer non ha accesso ad internet: quando scrivi uno dei libri più attesi degli ultimi anni, non puoi rischiare di essere hackerato.

Ma il loro rapporto è stato anche di mutuo scambio. Più precisamente, i consigli che Ty ha avuto da lui non sono stati legati alla scrittura, bensì alla parte business di uno sceneggiatore alle prime armi. George, infatti, aveva lavorato nell’ambito di tv, sceneggiature e racconti per tanti anni. Naturale che sia stato per Ty una fonte di informazioni su come muoversi in quell’ambiente.

cxqop7pxeaapklp

Ma parliamo dei libri e della serie tv!

George, fin dagli inizi, è stato un sostenitore della saga cartacea scritta dal suo collaboratore. Il primo libro è uscito nel 2011 e i diritti sono stati acquistati da Syfy nel 2014. Attualmente sono usciti 6 volumi in America, (in Italia 5) e dovrebbero essere 9 in totale per completare la saga. Pur se all’epoca Ty lavorava per Martin come sistemista e come aiuto per la gestione delle finanze, molti hanno voluto pensare che lo scrittore avesse avuto una non trascurabile influenza sulla saga di Expanse.

Cosa lontana dal vero, in quanto Ty Franck non ha mai voluto emulare Martin, e si discosta dal suo metodo di scrittura fatto di improvvisazioni, false partenze e riscritture.

L’opinione generale della critica definisce la saga cartacea, e anche in parte la serie tv, un “Game of  Thrones nello spazio”. Le frasi di elogio di George R.R. Martin stesso compaiono sulle copertine dei libri di Expanse, e lui stesso ne scrive articoli dedicati sul suo blog. Lo scrittore ha addirittura organizzato un cineforum con gli attori, scrittori e sceneggiatori della serie tv nel suo cinema a Santa Fe! Allora appare evidente il valore di questo prodotto… no?

Come il mondo di Martin “The Expanse” è effettivamente “espanso nell’universo”.

The Expanse non è la classica storia sci-fi. Non ci sono infatti alieni con protesi strane che richiedono ore di make up. Si sviluppa nel nostro stesso sistema solare, ma nel 26° secolo. Rimane fedele a quanto la tecnologia si potrebbe effettivamente sviluppare in un immediato futuro, quando gli uomini inizieranno a colonizzare lo spazio.

Lo scenario è questo: La Terra è nelle mani della U.N. Marte è una repubblica di stampo militare super efficiente. Infine c’è la fascia di asteroidi (Belt), una zona povera e ultra popolata che si batte per le risorse preziose come aria e acqua, dove i movimenti ribelli e indipendentisti stanno prendendo il sopravvento. Gli abitanti della “belt“, la cintura di asteroidi, sono fisicamente anche diversi dai terrestri perché nati e vissuti ad una gravità differente. Vengono denominati “Belters”.
Ognuna di queste realtà ben presto dovrà scontrarsi con una minaccia che pian piano inizierà a delinearsi nel corso degli episodi/libri.

Detective Miller

Detective Miller

Il progetto è una sfida non da poco.

Gran parte della storia è occupata dalla politica, che diventa un espediente per mostrare il comportamento umano e l’abilità che l’uomo ha di autodistruggersi.

Abbiamo principalmente tre punti di vista nella narrazione.
  • Thomas Jane (Miller). Interpreta il detective burbero con un ridicolo cappello che lavora per la stazione spaziale di Ceres e che cerca di fare il suo lavoro destreggiandosi fra “terrestri” e “belters”. Gli viene affibbiato il caso di una ragazza ricca scomparsa. Quando inizia ad indagare capisce che c’è qualcosa che non quadra. L’ambientazione noir, che ricorda anche in parte Blade Runner, sottolinea l’elemento “investigativo” della storia.
  • Ci spostiamo sulla Terra, nella parte “politica” della storia. Shohreh Aghdashloo (Chrisjen Avasarala), è un personaggio che non appare fino al secondo libro, ma per dare un respiro più ampio alla storia viene introdotto già nella prima stagione. L’attrice mischia l’eleganza e la freddezza tipiche di una donna in politica. La vediamo fare la nonna dolce e premurosa col nipote, mentre qualche ora prima torturava un Belter.
  • Non dimentichiamo uno dei personaggi ricorrenti in tutti i romanzi, James Holden (che io chiamo il Jon Snow di Expanse – Quinn) e gli altri 3 membri della Rocinante (nave spaziale da guerra). Costui è l’uomo che si trova nel luogo sbagliato al momento sbagliato in ogni libro ed episodio. Quattro personaggi, insomma: il tecnico, il capitano, il pilota e il meccanico. Tutti che, dal completo anonimato, finiranno per diventare il punto centrale della narrazione di ogni libro.

***

SyFy crede molto in questo progetto. La serie tv ancora prima della messa in onda era già stata rinnovata per la seconda stagione.

L’interesse pian piano sta aumentando e anche i fan. Netflix ha aggiunto la serie al suo catalogo per l’esportazione “oltre oceano”, e anche noi in Italia ora possiamo vederci The Expanse!

La seconda stagione è in programma per febbraio 2017, a seguito qualche trailer per i curiosi!

Trailer della prima stagione

Seconda stagione

Libri editi da Fanucci (Se non vedete i link disattivate ad block!)

Quinn
Revisione: Aranel/Mariacristina M.

Quinn

Rispondi