Jaime Lannister tra Cersei e Brienne: svolta nella settima stagione?

niko
Nikolaj Coster-Waldau su ‘Game of Thrones,’ …e su quello sguardo a Cersei.
Che rappresenti una svolta?

***

L’attore danese meglio conosciuto come Jaime Lannister ci parla del suo personaggio in GoT e della storia del trailer con il blocco di ghiaccio.

“Mi piace l’idea di giocare con le vostre aspettative,” dice, con un sorriso malizioso.

Sembra che tu abbia padroneggiato l’arte d’interpretare la canaglia narcisista.

“Siamo tutti egoisti, fino a un certo punto. Ed è sempre bello ritrovare te stesso a un certo punto. Siamo abbastanza ridicoli, come esseri umani. Siamo così pieni di noi stessi tutto il tempo, e c’è qualcosa di tragico in come incasiniamo le cose a livello globale e personale. Mandiamo sempre tutto all’aria.”

È difficile occupare la mente con personaggi tenebrosi e problematici per settimane? O questo non è qualcosa che ti tocca?

“Non porto il personaggio con me dopo il lavoro. Il 3 ottobre sarà il mio 25esimo anniversario come attore. L’ho fatto a lungo e adoro il mio lavoro, a volte lo fai e t’ispira e ci pensi per un po’. Ho lavorato con attori che non sembravano essere capaci di lasciar andare i loro personaggi e a essere onesti, penso “questa è idiozia”. Perché se è vero, allora stai male, ma questo sono solo io.”

Parliamo di GoT. Il clima politico in cui uscirà è molto diverso da quello del suo esordio nel 2011. Tutte le operazioni e le macchinazioni dietro le quinte sembrano essere, beh, più opportune che mai.

“Sembra che ci siano molte più cose alla luce del sole ora. In questo momento c’è un presidente che non ha paura di comunicare in modo diretto, parla dei suoi pensieri, simpatie, antipatie, il che è molto insolito. Mi piace la politica e le primarie sono state molto divertenti. Era a un altro livello- non potevi inventartelo. Due anni fa, non ci avremmo mai creduto. Mi ricorda l’Inghilterra con Brexit. E penso che ci sono state più di un paio di persone che il giorno dopo le elezioni si sono svegliate tipo “Eh?! Cosa?!”

jaime & brienne

Abbiamo una teoria su quello che succederà a Jaime. Jaime realizzerà la profezia e ucciderà Cersei —mentre difenderà Brienne.

[Sorride] “È un’ottima teoria.

Il rapporto Jaime/Brienne però è grandioso. Potrebbe essere la relazione più reciprocamente amorevole di GoT.

Si basa sul disprezzo, che si è trasformato in vero e proprio rispetto e amore, parola che non userebbero mai. Credo che provino qualcosa di molto forte l’una per l’altro. Non ho idea se potrebbero mai essere in grado di fare qualcosa, e non penso che lo farebbero. Tutto ha girato intorno a Cersei per tutta la sua vita.”

Uno dei miei momenti preferiti della sesta stagione è il discorso di Jaime a Edmure Tully in cui confessa il suo amore per Cersei cercando di manipolarlo. È stata una scena da “mic drop”.

Quella l’ho adorata. Sono stato fortunato negli anni ad avere un paio di quelle scene e pensi, “Oh questa è proprio bella”. È questo che mi piace di Jaime: ha perso il braccio e la sua sola presenza bastava per influenzare le persone, e ora non è più così—ma ha ancora la sua mente. Non è come suo fratello o sua sorella, è stato sul campo di battaglia tutta la vita, conosce le debolezze delle persone e l’amare qualcuno incondizionatamente— perché è così che ama sua sorella. In più non ci sono altri pretendenti. Beh, non è vero… ma deve farsi avanti e prendere il posto di suo padre. Oh, stavo per rivelare una cosa della nuova stagione e ho pensato “Che sto facendo?”

Parlando di relazioni in GoT, il legame Jaime/Cersei è uno dei più complicati della tv. È un enorme casino. Come la gestite tu e Lena Headey?

“Ne abbiamo parlato molto per questa nuova stagione. Ci sono state molte discussioni e io stavo facendo impazzire tutti con tutte le mie domande e gli scrittori devono aver pensato “Uccidiamolo ora! Sta diventando troppo!”. Ma è tutto molto complicato e più vai a fondo, più peggiora. Siamo nel profondo della storia e ci stiamo avviando alla fine e per noi che abbiamo fatto l’intero viaggio, vogliamo farlo bene. Ogni scena e ogni momento sembra incredibilmente importante. All’inizio della settima stagione ho dovuto lasciar stare perché cercavo di capire troppe cose.”

Jaime ha avuto un arco molto ricco durante la scorsa stagione, dalla profezia di Cersei allo sguardo finale che le ha lanciato mentre veniva incoronata. Sembrava che quello sguardo dicesse “Ho creato un mostro”.

“Vero? Jaime è dipendente da qualcosa—quasi abituato a una situazione in cui non c’è altro modo. Per Jaime, non c’è altro modo. È stato istruito da quando aveva 15 anni che, qualunque cosa fosse la sua vita, inizia e termina con Cersei. Lui deve accontentarla. L’ha fatto per tutta la vita, e ha raggiunto un momento in cui improvvisamente deve affrontare questa cosa. La cosa interessante è che la gente ci leggerà qualcosa senza una battuta- è solo uno sguardo.”

***

L’annuncio della data della prémière di Game of Thrones 7 è stato un po’ un disastro. Anche se penso che sia un testamento della popolarità dello show il fatto che migliaia di persone fossero online per guardare un blocco di ghiaccio che si scioglieva.

“Ne ho parlato con Dan [Weiss] e David [Benioff] ed erano tipo, “Oddio… è imbarazzante.” Erano tutti un “Cosa succederà? Cosa succederà?! Si sta sciogliendo! È crashato! Oddio!” È tipo allontanatevi e basta…è solo una data! Sapete, pensavo “ci saranno delle reazioni negative e le persone penseranno, “Andate a ca***e ragazzi! Ma questo succede ogni volta che muore un personaggio principale: Mai più! F*****o! Non guarderò mai più questo show! E poi, lo sapete, continuano a tornare.”

***

Fonte: The Daily Beast

Traduzione: Mariarosaria M.
Editing: Aranel/Mariacristina M.

Quinn

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.