Emilia Clarke si racconta: “Resterò fino alla fine ma non sarò negli spin-off”

Manca veramente poco alla settima stagione e sbucano sempre più dichiarazioni del cast: Kit, Emilia, Sophie e tanti altri si sono dati alle interviste folli ultimamente. La Khaleesi, Regina dei Draghi, distruttrice di catene ecc…  ad esempio si racconta a Rolling Stone gustando una bella tazza di tè.

“Potrei essere ancora più inglese di così e avere un Earl Grey?” chiede Emilia.

Mark Seliger for Rolling Stone

Prima di raccontare la propria storia, la Clarke ha rilasciato qualche dichiarazione sul recente clima politico, tra Brexit e Trump, e ha definito il 2016 come “Il fottuto anno in cui sono successi tutti i casini”.

“Non puoi aspettarti che tutti smettano di fare il proprio lavoro e che marcino ogni giorno della loro vita”, dice dell’instabile clima politico. “Ma dobbiamo stare in questo schifo a lungo termine”.

Per Emilia, essere “in questo casino” significa non essere d’accordo con un sacco di cose che accadono intorno a lei.

“Cosa vuol dire  che le mie opinioni sono così diverse dal mio vicino?”

Come, ad esempio, le sue opinioni sull’essere una delle poche donne in un dato set.

O il fatto che le donne abbiano costantemente meno battute rispetto alle loro controparti maschili, anche quando interpretano il personaggio principale.  O che le attrici devono arrivare per capelli e trucco ore prima rispetto alla maggior parte dei divi maschi.

“Mi sento così ingenua a dirlo, ma è come avere a che fare con il razzismo. Ne sei consapevole, e lo sai, ma un giorno, fai” Oh, mio Dio, è ovunque! ” Come risvegliarsi improvvisamente e: ‘Aspetta un fottuto secondo, stai…mi stai trattando diversamente perché ho un paio di tette? Sta succedendo davvero?’ C’è voluto molto tempo per notare che vengo trattata diversamente.  Mi guardo in giro e questa è la mia vita quotidiana “

Riconosce, naturalmente, che si tratta di una posizione complicata da assumere come donna che senza dubbio ha beneficiato enormemente del suo, ahem, paio di tette. (cit. da Rolling Stones Magazine)

Era la donna più sexy di Esquire nel 2015 (“Mia mamma li ha corrotti”, confessa ironicamente Emilia), e il suo ruolo in GoT è stato punteggiato da scene importanti in cui era nuda.

“Non m’impedisce di essere una femminista. Indovinate? Sì, ho il mascara e ho anche un QI alto, per cui queste due cose possono essere una cosa sola “.

Ma la complessità dell’ottenere il potere di legittimazione delle donne attraverso tali canali spiega perché anche lei è contenta dell’evoluzione del suo personaggio.

Daenerys, una donna che si è letteralmente alzata dalle ceneri e ora sembra pronta a vincere il gioco dei troni.

Attraverso la storia, Emilia mi ricorda che:

“Le donne sono state grandi regnanti. Che sia poi un personaggio per cui io sono nota? Che fortuna sfacciata. Chiunque pensi che non sia necessario deve solo guardare l’ambiente politico che stiamo vivendo per dire, ‘Oh, no, è necessario. È indispensabile.'”

Tutto ciò significa che Emilia ora sta abbracciando il potere del suo personaggio in un modo che potrebbe non essere stato possibile per lei quando la serie è iniziata. Emilia è cresciuta a circa un’ora da Londra, nella campagna britannica dei pasticci di carne e dei bovini.

“Sono cresciuta con un fiume nel giardino e con campi ovunque. Andavamo anche a raccogliere funghi, c’erano anatre, era idilliaco su tutti i livelli”.

Ha seguito il fratello maggiore a St. Edward, una scuola privata di Oxford dove, come figlia di un designer di suoni (che aveva iniziato come tecnico) e una vicepresidente di marketing (che ha iniziato a scuola di stenografia), lei era un po’ lontana  dai bambini d’élite del nuovo ambiente.

“Era una scuola elegante. E noi non eravamo così.”

Era anche una ragazzina creativa in una scuola che non lo era.

“Gli studenti erano bravi a giocare a hockey e volevano essere avvocati. Io volevo solo essere amica di tutti. È stato doloroso – stavo in disparte, sbirciavo, e dicevo ‘Ragazzi sembra vi stiate divertendo. Posso unirmi a voi?”

Certo che puoi Emilia, certo!

Dopo il diploma, ha fatto domanda a RADA, LAMDA e Guildhall, una tripletta d’istituzioni sacre per gli attori britannici ed è stata rifiutata da tutti. Ha fatto la cameriera, ha risparmiato un po’ di soldi, è andata in viaggio nel Sud-Est asiatico e India e poi ha ripreso a fare domanda “ad un trilione di scuole”, venendo accettata solo al Drama Centre London.

“per un pelo,  quando ho ricevuto una telefonata:” Questa ragazza si è rotta la gamba. Il posto è libero se lo vuoi.”

La scuola di teatro è stata un’altra sede dove ha imparato a stare al suo posto. Non era mai la preferita. Non era mai la ragazza innocente. Ha interpretato vecchie signore e prostitute scarmigliate.

“Ci hanno distrutti. Ma se sei un preferito a scuola, sei fottuto per la vita. Voglio dire, esci e sei tipo, ‘Ehi, dove è il mio uovo d’oro?’ Mentre se non l’hai mai avuto, sei tipo, ‘farò qualcosa, lavorerò più di quanto possiate immaginare’.”

Si è data un anno per entrare nell’industria. Proprio vicino a quella scadenza, a corto di soldi, disperata e alla ricerca di piani di vita alternativi, Emilia – alta appena 157 cm, formosa e mora – ha ricevuto una chiamata dai suoi agenti per l’audizione per il ruolo dell’alta, snella e bionda Daenerys Targaryen. Si è rivolta a Google per un corso intensivo sui romanzi di George R.R. Martin e poi ha incontrato  i produttori esecutivi HBO.

A un certo punto dell’audizione, si è ritrovata a fare la gallina funky.

È anche riuscita a trasmettere ciò che HBO stava cercando: Emilia aveva la vulnerabilità di qualcuno che non era il preferito, ma anche la forza di una giovane donna che è cresciuta con una madre lavoratrice che dalla scuola per segretarie è passata a forgiare una carriera ad alta potenza.

“Sono stata così fortunata a crescere con una mamma che dava esempi. Non è mai stato detto che avrei fatto più fatica nella vita.  La mia famiglia ha messo l’accento sulla responsabilità dell’espandere il pensiero, invece di restringerlo.”

Questo spiega il motivo più personale per cui il 2016 è stato un brutto anno per Emilia. Il 10 luglio, suo padre – il cui lavoro dietro le quinte l’ha avvicinata alla recitazione – è scomparso per il cancro. Emilia stava girando un film in Kentucky e non è potuta stare a casa durante i suoi ultimi giorni. Quando le cose si sono fatte difficili, ha finito le riprese in anticipo, ma è arrivata all’aeroporto di Londra per scoprire di averlo appena perso.

“Credo di essere ancora in diversi gradi di shock. Non esiste alcuna misura. Ci sono tutti questi libri riguardanti il dolore, ma non esiste alcuna guida, tipo ‘Oh, martedì ti senti così, ma giovedì starai meglio’.”

Tre settimane dopo la morte di suo padre, ha iniziato a girare la settima stagione di GoT. Poche settimane prima, era successa la Brexit.

“Il mondo sembrava  un luogo più spaventoso una volta che mio padre non c’era più. E poi le due cose in rapida successione mi hanno sbilanciata e mi hanno fatto rivalutare chi sono. Ed è stato in quella rivalutazione che mi sono detta, ‘sono una fottuta donna e non ci sono molte di noi che lavorano nell’ambiente in cui sono io. Devo essere incredibilmente sicura della mia posizione e devo assumermi la responsabilità delle scelte che faccio.”

Questo includeva il modo in cui si comportava sul set.

L’approccio generale di Emilia col mondo è leggerezza autoironica.

“Quando trascorri le tue giornate a discutere della politica di Approdo del Re, è molto importante non dimenticare di fare il ballo dei pinguini tra le riprese”, afferma Peter Dinklage sulla  sua capacità di scherzare in giro, mentre lei  descrive ciò che le passa per la testa quando recita di fronte a un drago meccanico così: “Sono tipo,” sta serrando la mascella? Sta scorreggiando? Cosa volete che faccia?”

Ma nel corso dello show, la vulnerabilità di Emilia si è ridotta mentre il suo potere di Khaleesi è aumentato.

“Non puoi essere la madre dei draghi senza un cambiamento o due. Essere in grado di abbracciare e comprendere il tipo di donna che possa conquistare eserciti e abbattere le società permette a me, l’attrice, di stare solida in quelle scarpe”.

Ciò si è rivelato utile sul set quando qualcosa le ricordava suo padre e letteralmente “mi toglieva il fiato. Ne sottovaluti l’enormità. Non sapevo fosse possibile sentirsi così.”

In quei momenti, raccoglieva la sua forza e cercava di incanalare quell’emozione nel suo lavoro.

“Ero tipo, non vi lascerò vedermi piangere. Non succederà.”

Per Emilia, la storia di Daenerys sta per finire.

Nei prossimi due anni andrà in onda l’episodio finale di GoT e il ruolo che ha interpretato per quasi una decade, il ruolo che “mi ha salvato in diversi modi-mi ha dato una spinta in realtà,” finirà.

“Sarà una scossa per la mia identità, credo. E sento che capirò cosa sono stati gli ultimi sette anni quando ci fermeremo.”

Promette che i prossimi episodi non deluderanno.

“Allerta spoiler- di solito io non sto molto Belfast, ma per questa stagione ci sono stata un po’ di più” dice dando un indizio ai fan di GoT. “È una stagione interessante in termini di questioni in sospeso che sono state chiuse, alcuni punti della trama molto soddisfacenti, cose in cui sarete tipo ‘ Oddio, l’avevo dimenticato!’ le voci saranno confermate o negate.”

Ma la trama della Madre dei Draghi continuerà fino alla fine.

“Non dubito che ci saranno prequel e sequel e chissà che altro. Ma io farò solo un’altra stagione e poi basta.”

Dopo l’ultima stagione, Emilia avrà una libertà che non ha da quando è stata scelta a 23 anni. I circa sette mesi all’anno passati ad alzarsi alle 3 del mattino per trucco e parrucco, le giornate da 18 ore in cui fingeva di cavalcare un drago o guidare un esercito o camminare nuda tra le fiamme, improvvisamente le apparterranno di nuovo.  Il pensiero è scoraggiante e attraente allo stesso tempo.

“Mi emoziono al pensiero, è il mio inizio, metà e fine- la sola cosa che mi ha più cambiata da adulta.”

Quella libertà non è ancora arrivata. Quando tornerà a Londra per pochi giorni, sarà per il prequel di Star Wars su Han Solo, in cui probabilmente interpreta un’altra donna forte.

“Tutto quello che posso dire è che è fantastica. Questa è l’unica cosa che posso dire. C’è uno stormtrooper con una pistola che potrebbe entrare da un momento all’altro!”

Dopo Star Wars, Emilia ha in mente un obbiettivo bizzarro e decisamente nel suo stile.

L’obiettivo è creare un negozio che rimedi ai torti cui ha assistito.

“Mi piacerebbe iniziare una casa di produzione piena di donne gentili e divertenti, dove l’atmosfera sia ‘sì ho le tette, non sono adorabili? Anche tu! Sono grandiose, sei nel club!”

Intanto dice di star lavorando per espandere la sua mente.

“Ho improvvisamente avuto un feroce bisogno d’imparare le cose”, aggiunge. “Tipo ascolto podcast maniacalmente – Il New York Times, The Guardian, The Economist, TED Talks e Fresh Air. Ho bisogno d’informazioni. Voglio solo sapere quanto più umanamente possibile.”

Ciò significa che per tutto ciò che la Khaleesi ha dato a Emilia, lei sta ricambiando.

“Dany ha avuto qualcosa di più quest’anno, sai cosa intendo? Ha qualcos’altro in ballo.”

E sulle note di questo spoiler velato l’intervista si conclude..

Se avete letto i leak della settima stagione sapete perfettamente a cosa si riferiva Emilia 😉

 


Traduzione: Mariarosaria M.
Editing e adattamento: Alex A.
Fonte: Rolling Stone

Alex

Rispondi