Kit Harington: “La settima stagione è un ‘cambiamento radicale’ per Jon Snow”

TIME ha incontrato Kit Harington a Belfast durante una pausa inaspettata dalle riprese della settima stagione di GoT.

“È un modo diverso di recitare che può essere molto frustrante, ma bisogna mettere un po’ da parte il rumore di sottofondo”.

Kit ha parlato con TIME a gennaio, ecco una trascrizione di quella conversazione.

Nelle scene importanti in cui sei circondato da centinaia di comparse, effetti speciali e punti in cui inseriranno gli effetti visivi. Dove trovi la spontaneità necessaria per un’interpretazione?

La sfida con GoT è che a differenza di produzioni più piccole, dove c’è una sola telecamera e una stanza, è più concentrato sull’attore e sulla sua interpretazione. Sei una parte del paesaggio in varie riprese. A volte con Got devi isolarti da tutto il resto perché tutto deve dettagliato. Lo sfondo deve essere esattamente nel posto giusto, il fumo deve essere al livello giusto, la luce deve essere giusta – ci sono cento cose che devono essere giuste. In qualunque momento la ripresa poteva non andare bene a causa di uno di questi elementi.

Qualunque grande film epico sarebbe così. Ed è un modo diverso di recitare che può diventare molto frustrante, ma devi mettere da parte il rumore di fondo. E ci sono momenti in cui non lo fai, quando una scena è meno intensa o qualcosa del genere. È un’abilità e una cosa che mi fa piacere aver avuto l’opportunità di provare a mettere in pratica, perché alcuni attori ci si ritrovano dentro ed è troppo per loro e non riescono a raggiungere la giusta concentrazione.

Per me il caos dello show e le lotte per il potere sembrano riflettere la situazione che avremmo potuto avere, tipo, anche due anni fa.

Sono leggermente in disaccorto con te. Quando lo show ha iniziato la produzione nel 2008/09, subito dopo il crollo finanziario, tutti erano preoccupati per la loro situazione. Era un periodo di vera instabilità.

E poi c’è questo show fantasy. Penso che sia arrivato al momento giusto, per le persone che hanno potuto fuggire dalle loro vite e concentrarsi su un mondo fantastico che aveva delle realtà a cui potevano collegare le loro vite.

Avvicinandoci alla fine invece… Forse queste cose arrivano in cicli da 8 anni. Sembra che il mondo sia di nuovo instabile, sta andando in pezzi. Al momento c’è molto caos, che sia attuato dal nostro governo di proposito o meno. È interessante essere uno show che non riflette il mondo ma allo stesso tempo lo fa.

L’unica ironia che ho trovato quest’anno è stata un’ironia molto triste: siamo andati in Islanda per trovare la neve, quando siamo arrivati siamo stati fortunati ad averla.

Ma mi sono accorto quest’anno, che il ghiacciaio dove io e Rose [Leslie] abbiamo girato quattro anni fa, si è ridotto. Ho visto i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale con i miei occhi, ed è terrificante.

Potrebbe esserci un elemento di evasione nello show, ma quello che dici è vero: il cambiamento climatico è anche a Westeros, va solo nella direzione opposta.

In più, fino a poco tempo fa, i grandi giocatori di Westeros erano molto più machiavellici dei nostri. Sfortunatamente, finora. Adesso Westeros potrebbe essere un bel modo di evadere rispetto a quello che vediamo nei notiziari, perché le politiche mondiali sono diventate molto cupe nelle settimane e nei mesi recenti.

Jon Snow era un personaggio letterario la cui storia esisteva da prima che lo show fosse scritto o tu fossi scelto. Pensi che la tua interpretazione abbia in qualche modo cambiato il suo percorso?

Penso di essere stato scelto per il ruolo perché c’è molto di me in Jon Snow. Quando l’ho letto, sapevo che c’era qualcosa che mi assomigliava. Ne ho parlato con David e Dan e mi hanno detto che quando sono entrato e ho letto, la sensazione era che io ero quella parte e quella parte era me. Ho sempre sentito che sarebbe stato un lungo viaggio, erano sempre otto anni nella mia mente. Quindi vuoi che il personaggio impari e che continui a farlo, e che poi si sviluppi. Sono molto felice quest’anno, e spero che si capisca.

Non ci ho pensato a lungo termine, prendi ogni scena come viene. Ma ci sono state volte in cui ho sentito che quello che stavo facendo col personaggio era sbagliato. Suonerà strano, ma non sono mai stato molto soddisfatto di lui. Forse è questo che lo rende lui. Quell’angoscia. Potrebbe essere un po’ troppo malinconico, ma non ci è arrivato a livello emotivo. Ma una volta che hai fatto quelle scelte, il personaggio è così. Sembri solo un attore che vuole cambiare il personaggio se torni indietro e tradisci i tuoi primi istinti.

Quindi adesso sono più felice di Jon di quanto sia mai stato. Quest’anno c’è questo cambiamento radicale in cui tutto quello che ha imparato negli anni, improvvisamente…è ancora lo stesso Jon ma cresce.

In passato, è stato frustrato, e allo stesso modo essere frustrante [da interpretare].

Lui è sicuramente frustrante.

Ma povero Gionsnò!

Il livello di minuziosità dei fan è una sfida per te?

Ho avuto difficoltà intorno alla quinta stagione. All’improvviso l’ho trovato abbastanza duro, non si fermava. L’eccitazione iniziale era spenta. Adesso la gestisco meglio. Penso di affrontarlo meglio perché posso vedere la fine. E devo essere onesto con me stesso: non so se ci sarà una prossima volta in cui sarò coinvolto in qualcosa di simile. Ho dato scontata l’idea di poter andare ogni anno ai premi SAG, Emmy e Golden Globes. Quest’anno, non posso. [Kit ha saltato gli Screen Actors Guild Awards, due giorni dopo questa intervista, per impegni di lavoro.] Quando sarà la prossima volta che entrerò in quelle sale? E questo è straordinario, che io possa darlo per scontato. Il piacere, il disperato tentativo di godermelo mentre è qui, mi sta aiutando con l’inevitabile lieve pressione.

Com’è non sapere come finirà?

Avevo alcune teorie e idee fino all’anno scorso. Come gruppo, facciamo su sacco di teorie nei camerini. Non vedo l’ora di ricevere i copioni per il prossimo anno, perché non ne ho idea. Lui conosce la fine, io non la conosco – la vive poco alla volta. Ma non vedo l’ora di leggerla. Penso che ci faranno entrare in una sala per leggerli, per evitare leaks.

Hai visto la produzione cambiare nel corso del tempo?

Si è evoluta, e ti cresce dentro. A Paint Hall [gli studios di Belfast dove GoT effettua le riprese], ricordo il primo anno, c’erano solo un paio di trailer e non c’era il secondo studio. Ci vado adesso e una volta ho detto a Dan Weiss, mentre bevevamo una birra in Islanda, “Non vorresti entrare una sera dopo che tutti sono andati via, accendere le luci e camminare in giro da solo e pensare ‘Io ho fatto questo’?”

Loro hanno creato questo studio e questa incredibile struttura-eppure, so che sembra che io sia troppo gentile, ma c’è un vero senso di famiglia. Qualcuno che ha lavorato in franchise simili mi ha detto che questo è la cosa più bella su cui ha lavorato per il senso di famiglia. Tutti arrivano con gli stessi lamenti e reclami, ma tutti si vogliono bene. E per tutta la sua grandiosità, mi mancherà tornare da questa famiglia ogni anno e salutare le stesse persone. Questa è la cosa bella del prendersi cura di un grande franchise: può apparire mostruoso, ma quando fatto bene, sembra- per un secondo- come se avessi un lavoro normale in ufficio.

È difficile immaginare che la fine dello show sia in vista?

Tutti abbiamo provato a farcene una ragione quest’anno. Parlo come se qualcuno stesse morendo, ma sembra così. Non avremo il tempo di dirgli addio, emotivamente. Per tutti noi, è stata una tempesta di emozioni per le nostre vite-ci ho passato i vent’anni. Cerco di dirgli un silenzioso addio quest’anno, così l’anno prossimo potrò fare il mio lavoro e andare via.

Traduzione: Mariarosaria M.
Edit: Quinn

Commenta questo post

Quinn

Rispondi