13 dettagli che potreste esservi persi in “The Queen’s Justice”

L’ultima puntata di Game of Thrones ha dato ai fan quello che aspettavano da lungo tempo, e loro sono impazziti.

Comunque, l’incontro tra Jon Snow e Daenerys Targaryen non è stato così amichevole come molti si aspettavano. Daenerys voleva che Jon Snow si inginocchiasse e le giurasse fedeltà, e Jon era certo che non l’avrebbe fatto. Daenerys ha addirittura insinuato che, secondo lei, Jon fosse il vero nemico dal Nord. In ogni caso, la situazione si è calmata e Daenerys ha permesso a Jon di estrarre il vetro di drago. La regina dei draghi è anche venuta a sapere che i suoi alleati sono stati attaccati e sconfitti, e poco dopo abbiamo visto come Cersei e Jaime hanno battuto Tyrion in intelligenza e hanno sconfitto il loro ultimo alleato. Dunque, le cose non sono andate benissimo per Dany nell’ultimo episodio.

Ad Approdo del Re, Euron ha ricevuto gli onori di un eroe, e ha mostrato il suo regalo a Cersei, che ha fatto sì che Ellaria e Tyene Sand soffrissero. Melisandre è andata via senza incontrare Jon e Davos, abbiamo visto una riunione di Stark, Jorah è stato curato e Lady Olenna è morta nel modo più figo che la serie ci abbia mai mostrato. In più, ci sono numerosi dettagli di questo episodio che è possibile non abbiate notato. Quindi non indugiamo oltre, vediamo i dettagli de “La Giustizia della Regina” che vi siete persi.

Davos parla del cambiamento.

Ser Davos prova ad intrattenere una conversazione con Missandei, ma lei si allontana. In quel momento, Jon Snow si unisce a lui e Davos gli dice, “Questo posto è cambiato.”
Questo è un riferimento al cambiamento della location per Roccia del Drago. L’abbiamo vista in passato, sotto il controllo di Stannis, ma in questa stagione la produzione ha girato queste scene in Spagna. La battuta di ser Davos è un riferimento ben nascosto al cambio di location.

Un drago vola sopra Jon Snow.

Dopo essere approdati a Roccia del Drago, Jon e i suoi compari iniziano la camminata per arrivare al castello. Jon e Tyrion discutono del fatto che agli uomini Stark non porti bene avventurarsi al Sud e Jon risponde “ma io non sono uno Stark”. In quel preciso momento, un drago vola sopra Jon, che è metà Targaryen. Questo sembra un riferimento al fatto che Jon Snow sia un Targaryen.

Melisandre ritorna a Volantis.

Melisandre informa Lord Varys che andrà a Volantis, e quando Varys le suggerisce di rimanere lì per sempre, lei risponde, “Devo morire in questa strana terra – proprio come te.”
La decisione di Melisandre di recarsi a Volantis potrebbe essere significativa, visto che lì si trova il Tempio del Signore della Luce, che dovrebbe essere circa tre volte più grande del Sept di Baelor. Nella scorsa stagione abbiamo incontrato la Sacerdotessa Rossa Kinvara, ed è l’Alta Sacerdotessa di Volantis. Ci sono buone possibilità che Melisandre la incontri in questa stagione o nella prossima, e magari vedremo anche il Tempio. Inoltre, Kinvara potrebbe unirsi a Melisandre quando ritornerà a Westeros.

Per quanto riguarda la misteriosa frase rivolta a Varys, abbiamo già parlato di cosa potrebbe significare.

Non giudicare una figlia per gli errori del padre.

Daenerys chiede a Jon Snow di inginocchiarsi, ma lui si rifiuta di farlo, spingendo Daenerys a dire che ha viaggiato fino a Roccia del Drago per tradire l’alleanza con la Casata Targaryen. Allora Jon le ricorda che suo padre ha ucciso i di lui zio e nonno. Daenerys chiede allora di perdonare i crimini che il Re Folle ha commesso contro la sua famiglia, e lo prega di non giudicare una figlia per gli errori commessi dal padre.
Questo ci ricorda quanto detto da Jon nel primo episodio di questa stagione, quando Sansa suggerisce che dia Ultimo Focolare e Karhold alle famiglie che gli sono state leali. Jon si rifiuta, dicendo, “Non punirò un figlio per i crimini commessi dal padre.”

Inginocchiati.

Dopo che Jon incontra Daenerys, i due si trovano in disaccordo sul fatto che Jon si debba inginocchiare e rinunciare al titolo di Re del Nord, per diventare alleato di Danerys. Le dice che non si inginocchierà e che i lord del Nord hanno riposto la loro fiducia in lui, in modo che li guidi ora e in futuro. È successa una cosa simile nella quinta stagione, ma questa volta era Jon Snow a chiedere a Mance Rayder di inginocchiarsi. Nella stessa stagione, Stannis chiede a Mance di inginocchiarsi e giurargli fedeltà, pena la morte.
Jon fa visita a Mance e cerca di convincerlo ad inginocchiarsi. Mance si rifiuta e dice a Jon, “Mi seguono perché mi rispettano, perché credono in me.”

Paralleli tra Euron e Tywin.

Euron ritorna ad Approdo del Re in trionfo, con Yara Greyjoy, Ellaria e Tyene Sand come prigioniere. Il popolo lo acclama come un eroe ed entra nella Sala Grande della Fortezza Rossa a cavallo, con i suoi regali per Cersei. L’ultima volta che abbiamo visto qualcuno fare una cosa simile era nel finale della seconda stagione, quando Tywin Lannister è entrato nella Sala Grande a cavallo. Tywin aveva appena sconfitto Stannis nella Battaglia delle Acque Nere, e nella stessa scena Joffrey l’aveva proclamato Primo Cavaliere.

Ellaria e Tyene come Rickard e Brandon Stark.

Dopo che Euron mostra a Cersei i suoi regali, Ellaria e Tyene, la regina fa sì che le due provino lo stesso dolore che ha provato lei dopo la morte di Myrcella. Entrambe vengono incatenate e Cersei parla dei suoi piani per ucciderle. Dice che vuole dare loro una morte lenta e agonizzante, e poi bacia Tyene Sand. In quel momento, è chiaro che sta facendo quello che Ellaria ha fatto quando ha avvelenato Myrcella. Quando Cersei va via, Ellaria e Tyene provano ad avvicinarsi, ma sono incatenate ai muri della prigione.
Questo ricorda il modo in cui il Re Folle ha ucciso Rickard e Brandon Stark. Per coloro che non lo sanno, Aerys ha fatto infilare Rickard Stark in un’armatura e poi l’ha sospeso dal soffitto e acceso un fuoco sotto di lui. Al tempo stesso, ha tenuto Brandon Stark legato al collo, mettendogli davanti una spada, appena fuori dalla sua portata. Rickard fu bruciato vivo nell’armatura e Brandon si strangolò cercando di raggiungere la spada per salvare la vita del padre.

La scena finale di Ellaria e Tyene ci ha ricordato quanto fatto dal Re Folle, e ora sembra proprio che Cersei stia diventando come lui. Sappiamo tutti chi ha ucciso il Re Folle, dunque queste scene danno adito alla teoria che sarà Jaime ad uccidere Cersei.

L’attrice che interpreta Ellaria Sand ha inoltre aggiunto che il suo personaggio non è morto ma non si vedrà più. Probabilmente rimarrà rinchiusa, almeno per tutta la settima stagione. (Secondo me non la rivedremo proprio più..)

I mostri delle leggende.

Durante la conversazione tra Jon Snow e Tyrion, Jon parla di mostri delle leggende chiamati Grumkin e Snark, per ribadire che Tyrion non crede a quello che dice ora e non ci credeva nemmeno anni prima.
Nel secondo episodio della prima stagione, mentre i due stanno viaggiando alla volta della Barriera parlano della decisione di Jon di unirsi ai Guardiani della Notte. Quando Jon dice da cosa i guardiani proteggono il reame, Tyrion lo interrompe e lo prende in giro dicendo, “Sì, sì. Combatterete contro i grumpkin, gli snark e tutti quei mostri delle leggende di cui la tua balia ti ha raccontato. Sei un ragazzo intelligente, non credere a queste sciocchezze.”

Un uomo saggio ha detto…

Quando Tyrion cerca di convincere Daenerys a lasciare che Jon Snow estragga il vetro di drago, dice, “Un uomo saggio una volta ha detto che non dovresti credere qualcosa solo perché vuoi che sia così.” Daenerys gli chiede subito se stia cercando di presentare le sue massime come saggezza antica, e lui risponde, “Non lo farei mai…con te.”
Questo è un riferimento alla scena della quinta stagione con protagonisti Tyrion, Missandei e Verme Grigio. Tyrion dice ai due, “Un uomo saggio una volta ha detto che la vera storia del mondo è la storia delle grandi conversazioni avute in stanze eleganti.”
Quando Missandei chiede chi l’abbia detto, Tyrion risponde, “Io. Adesso.”

Connessione tra Jon e Rhaegar.

Sappiamo che Jon Snow è il figlio di Rhaegar Targaryen e nell’ultimo episodio, mentre parlava con Jon, Daenerys ha detto, “A tutti piace fare quello in cui siamo bravi”, e Jon risponde “A me no.” Jon si riferisce alle sue abilità nel combattimento, abbiamo già sentito qualcosa di simile nella quinta stagione, quando Barristan Selmy parla con Daenerys di Rhaegar e del suo amore per il canto.
“Gli piaceva camminare tra la gente, gli piaceva cantare per loro”, dice Barristan. Daenerys è un po’ sorpresa e dice a Selmy che Viserys le parlava solo di quanto Rhaegar fosse bravo ad uccidere.
Barristan risponde, “A Rhaegar non è mai piaciuto uccidere. Amava cantare.”
La serie sta cercando di aggiungere quanti più riferimenti allo status di Targaryen di Jon, prima che scopra la verità.

Dieci uomini validi.

Quando Tyrion spiega la sua strategia per impadronirsi di Castel Granito, dice che è una fortezza impenetrabile, ma aggiunge che un suo amico una volta ha detto, “Datemi 10 uomini validi e penetrerò la stronza.”
Tyrion si riferisce a Bronn. Nella prima stagione, quando Tyrion veniva condotto da Catelyn Stark a Nido dell’Aquila, il folletto ricorda che Nido dell’Aquila è impenetrabile e Bronn risponde, “Datemi 10 uomini validi e dei picchetti per scalare e penetrerò la stronza.”

Bernadette

La serva di Cersei, dal taglio molto simile al suo, ha attirato un sacco di attenzione. C’è chi pensa che l’autorità e l’ego della Regina siano talmente forti da costringere le sue serve a tagliarsi i capelli per somigliarle. Potrebbe anche essere un semplice gesto di fedeltà ristretto a questa serva specifica, che segue la neo Regina da diverso tempo.

Interpretata da Sara Dylan, è lo stesso personaggio che nella seconda stagione riferisce a Cersei delle mestruazioni di Sansa, che scopre Tyrion e Shae e lo riferisce nella quarta stagione ed è anche la stessa che riferisce la morte di Myrcella durante la sesta stagione. Un personaggio secondario ma molto costante! ALL HAIL CERSEI!

Approfondiremo a breve, in un nuovo articolo, alcune teorie su questo personaggio!

Le Piogge di Castamere.

Le Piogge di Castamere è la canzone che parla della distruzione della Casata dei Reyne ad opera di Tywin Lannister. La canzone è stata suonata anche durante le Nozze Rosse e nell’ultimo episodio la sentiamo quando vediamo i Lannister e i Tarly marciare verso Alto Giardino, decretando la fine della Casata Tyrell. Quando Jaime incontra Lady Olenna, dopo aver preso il castello, lei recita una parte della canzone, “E ora le piogge piangono nelle nostre sale”. Questo significa che Olenna sa che i Lannister hanno eliminato la sua casata, così come avevano fatto con i Reyne.
Per chi non conoscesse la canzone, ecco il testo:

E chi sei tu, disse l’orgoglioso lord,
che così in basso io devo inchinarmi?
Solo un gatto con un altro pelo,
questa è l’unica verità che conosco.
Pelo d’oro o pelo rosso,
un leone artigli ancora ha.
E i miei sono lunghi e affilati, mio lord
Lunghi e affilati come i tuoi

Così parlò, così parlò,
il lord di Castamere.

Ma ora le piogge piangono nella sua sala,
senza nessuno a udire quel pianto.
Sì, ora le piogge piangono nella sua sala,
senza una sola anima a udire quel pianto.

Ora che il segreto di Olenna è stato svelato, verrà rivelata anche la partecipazione di Ditocorto?


Traduzione: Alessandra P.
Editing e adattamento: Alex A.
Fonte: Wikiofthrones

Commenta questo post

Alex

Rispondi