Kristofer Hivju sulla battaglia in “Beyond the Wall”, Brienne e i giochi sul set

L’attore “bruto” parla della battaglia del lago ghiacciato, del suo amore per Brienne <3 e di alcuni vivaci giochi da tavolo.

HBO: Cosa spinge Tormund a combattere contro gli Estranei? Si tratta di un semplice istinto di sopravvivenza?

Kristofer Hivju: Gli Estranei sono gli incubi con cui il Popolo Libero ha da sempre dovuto fare i conti, quindi penso che si tratti di qualcosa di radicato profondamente in lui. L’esercito dei morti è sempre stato la sua più grande paura, anche più dei Guardiani della Notte. Se hai visto i non-morti, sai cosa c’è in ballo. Tormund ha visto molta della sua gente morire e diventare non-morti ad Aspra Dimora, ed è stata un’esperienza terrificante. Quindi, combatte per la sua gente e, ampliando un po’ il discorso, combatte per l’umanità.

HBO: Il rapporto di Tormund con Jon Snow è cambiato molto nel tempo, quando è iniziato questo cambiamento?

KH: Penso che a Tormund sia sempre piaciuto Jon. Ha visto Jon e Ygritte quando iniziavano ad andare d’accordo, e a Tormund queste cose piacciono. Ha dato dei grandi consigli sul sesso a Jon Snow, e per Tormund è stato come vivere in una soap opera, vederli mettersi insieme.
Ma il momento in cui ha iniziato davvero a rispettare Jon è stato prima che andassero ad Aspra Dimora. Tormund ha visto che la freccia di Jon è stata un gesto di pietà nei confronti di Mance. Un momento importante è stato quello in cui Jon ha tolto le catene a Tormund, mostrando che poteva fidarsi di lui e che aveva capito che hanno gli stessi obiettivi.

HBO: Cosa pensa Tormund del gruppo con cui si è recato a nord della Barriera?

KH: All’inizio è abbastanza scettico, ma è felice che tutti quei grandi guerrieri siano dalla sua parte. È molto interessato al Mastino, che è così serio. Tormund è il tipo che ha bisogno di parlare senza pressione, quindi quando c’è questo tizio serioso che cammina con loro, sente il bisogno di creare armonia. E poi hanno una conoscenza in comune, quindi è fantastico.

HBO: Parlando della loro conoscenza in comune, quale pensi sia il motivo della passione dei fan per i flirt tra Tormund e Brienne?

KH: È davvero inaspettato; nessuno l’avrebbe immaginato. Quando Brienne è arrivata al Castello Nero su quel cavallo, la freccia dell’amore ha subito penetrato il cuore di Tormund. Penso sia molto divertente. È come tirare un po’ di zucchero in tutto quel sale nero, quando porti luce e amore in questo universo oscuro. Vedere qualcuno innamorarsi perdutamente è sempre bello da spettatore; specialmente perché Brienne non apprezza molto la cosa. Anche se… penso che un pochino lo apprezzi. Tormund potrebbe avere un piano. Potrebbe essere grandioso.

HBO: Qual era la dinamica del gruppo sul set, per “Oltre la Barriera”?

KH: Adoro quei ragazzi, ci siamo divertiti un sacco. Quando metti sette galli in una scatoletta, le cose possono andare male molto facilmente, ma questi ragazzi sono così sicuri di sé, e sono pieni di calore e di amore. Abbiamo suonato molto e giocato a Risiko. Tutti i ragazzi sono molto competitivi, quindi a volte le partite diventano intense ed era difficile farci smettere di giocare. Ci hanno dovuti obbligare a girare.

When you’ve had to much trailer time… #behindthescenes #got7

Un post condiviso da Kristofer Hivju (@khivju) in data:

HBO: Com’è stato girare la scena dell’orso polare?

KH: Figo. Ovviamente non avevamo un vero orso polare non-morto, ma un grosso orso finto in fiamme. Io ho una barba di cui occuparmi, quindi non volevo avvicinarmi troppo.
Quando abbiamo girato, scherzavamo sul fatto che Sheila fosse stata trasformata; hanno tagliato una battuta, quando vedono l’orso per la prima volta Tormund dice, “Ho ballato con un sacco di orsi.”

HBO: Cosa c’è voluto per dar vita alla sequenza di combattimento sul lago ghiacciato?

KH: È stata una sequenza enorme, c’è voluto almeno un mese per girarla. C’erano tantissime uccisioni, non avevamo il tempo di coreografare ogni singola mossa. Quindi, abbiamo fatto un alfabeto di movimenti coreografati: ognuno di noi aveva un alfabeto di sette uccisioni; sette movimenti. Quindi, potevamo anche lanciarci i non-morti, perché anche loro [gli stuntmen] conoscevano il linguaggio, e dunque potevamo improvvisare con l’alfabeto. Dopo un paio di giorni è diventato tutto molto organico e davvero reale, perché le persone arrivavano da ogni parte.

HBO: È possibile paragonare questa battaglia a quella dei Bastardi? In che modo?

KH: Mi è sembrata più simile ad “Aspra Dimora”, in cui uccidevamo più tizi possibile, nel minor tempo possibile. Ma rapportandola alla Battaglia dei Bastardi – caos: è l’unica cosa che non puoi fingere; deve accadere veramente. Quindi diventa selvaggio, e quella sensazione di claustrofobia è reale; non c’è nulla di finto. Quando dicono “azione” e hai 20 tizi che ti arrivano addosso, è una cosa folle. È come se davvero lo facessi per sopravvivere, ed è molto intenso fisicamente, ad essere sinceri.

HBO: E hai un’armatura pesante mentre fai tutto questo.

KH: Il mio costume pesa 18kg, quindi è molto pesante. Ti tocca fare delle flessioni alla sera.

HBO: Hai un metodo per prepararti a queste scene?

KH: Per Tormund, di solito mi ispiro a Rocky Balboa in Rocky IV. Quando deve affrontare Dolph Lundgren, Dolph corre per il centro sportivo, con barometri su tutto il corpo, ma Rocky va nel bosco, taglia la legna e solleva alberi. È così che entro nel personaggio del bruto.


Traduzione: Alessandra P.
Adattamento: Alex A.
Fonte: Making Game of Thrones

Alex

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.