Aidan Gillen saluta Ditocorto: “Ho preso le sue spille, una è per mio figlio”

Petyr “Ditocorto” Baelish. Il maestro del caos, salitore di scale del potere, che finalmente ha cercato di raggiungere un piolo di troppo.

Il manipolatore ha mostrato la sua cattiveria nel cercare di mettere Sansa e Arya Stark una contro l’altra (così come aveva fatto con la loro zia Lysa e la loro madre Catelyn) – ma non ha fatto in conti con Bran Stark, che può osservare tutto lo spazio e il tempo e frugare nel suo passato.

Un tempo, Ditocorto aspirava ad ottenere il trono di spade, con Sansa al suo fianco. Ora, come molti altri che volevano governare, la sua vita è finita – e per mano della donna che potrebbe davvero aver amato.

EW ha parlato con l’attore irlandese Aidan Gillen (The Wire, Il Cavaliere Oscuro: Il Ritorno) riguardo al fatto che abbia lasciato la serie dopo sette stagioni, in cui ci ha regalato un’affascinante interpretazione, che ha umanizzato un personaggio che possiede poche qualità che lo possano redimere. L’attore, calmo e dalla voce bassa (una volta è stato visto sul set di GoT mentre leggeva serenamente un libro di David Foster Wallace), non rilascia spesso interviste – Gillen preferisce di solito che il suo lavoro di attore parli da solo.

Durante l’intervista non voleva rivelare troppo sulla sua emozionante scena finale nella sala grande di Grande Inverno, per evitare che i suoi pensieri potessero togliere qualcosa all’impatto della scena. Forse questo è l’unico tratto che Gillen ha in comune con il suo nefasto personaggio – ha sempre un asso nella manica.

EW: Quando hai ricevuto l’infausta telefonata?

AG: L’infausta telefonata. Si capisce subito di cosa si tratta. Dan e David non ti chiamano mai – magari una volta in sei anni. Ho saputo dell’esistenza di questa telefonata da Michael McElhatton [Roose Bolton], quando mi ha detto che l’avevano chiamato e abbiamo parlato di come si sia sentito. E ho pensato che se avessi ricevuto quella telefonata – anzi, quando, visto che questo sarebbe successo prima o poi, con un personaggio come Ditocorto – mi sono chiesto come mi avrebbe fatto sentire. Questa serie fa parte della tua vita da così tanti anni che inizi a pensare, “Come sarà la tua vita quando finirai?”. È una grossa perdita.

EW: Quindi, come ti sei sentito?

AG: Ti senti un po’ in lutto – per il tuo personaggio e per la tua esperienza. Inoltre, ti fa pensare a quanto grande sia stata quest’esperienza durata sette anni, ed è stata davvero immensa.

EW: I creatori della serie hanno scherzato sulla cosa, o te l’hanno detto subito?

AG: Nessuno scherzo. Mi hanno solo promesso un “fiume di sangue”. Beh, non è stato proprio un fiume, ma mi hanno promesso più del povero Michael. È meglio morire alla fine [della stagione], con un buon arco narrativo, piuttosto che all’inizio del secondo episodio. Anche se sono solo in una manciata di episodi – come nella scorsa stagione, in cui sono apparso in meno episodi rispetto alle altre stagioni – una volta che il tuo personaggio fa parte di quel mondo, agli spettatori sembra che tu sia sempre presente. Quindi per me non è un fatto del numero di scene in cui appaio, a patto che quelle scene siano buone, sistemate a dovere e che il tuo contributo sia positivo. Allora alla gente sembra davvero che tu appaia sempre. Sono contento di aver finito con una buona storia.

EW: La strategia di Ditocorto di mettere Arya contro Sansa sembra molto rischiosa, fin dall’inizio.

AG: Il rischio c’è sempre, anche con i piani migliori. Si è messo in una situazione che potrebbe ritorcerglisi contro. Penso gli piaccia. I suoi piani non sono mai sicuri al 100%, ma lui gioca al tutto per tutto, come un buon scommettitore.

EW: Qual è stata la tua reazione al copione del finale?

AG: Ovviamente me l’aspettavo.

EW: Ma immagino non sapessi esattamente in che modo Ditocorto sarebbe morto, immagino.

AG: Avevo rilasciato un’intervista nel 2015 in cui mi si chiedeva come pensavo che sarei morto. Ho detto che pensavo che sarebbe stata Arya ad uccidermi. E quindi è stato come promesso. Anche nella scena stessa, come entra nella sala e Arya mostra il pugnale, sa che è stato scoperto.
Ha iniziato a sospettare qualcosa nel quarto episodio, quando Bran gli ha detto “Il caos è una scala”. L’idea che fosse solo una coincidenza era troppo grande. È da lì che il terreno inizia a mancarmi da sotto i piedi. A questo punto so che le cose che ho fatto in privato non sono poi tanto private.

EW: Non ho ancora visto la tua ultima scena, ma mi hanno detto che sei stato fantastico e che Ditocorto rivela delle emozioni che non avevamo ancora visto da lui.

AG: Non voglio dire troppo. Non voglio mostrare tutto il mazzo, lo voglio preservare. C’erano più sentimenti per Sansa di quanti non ne abbia dimostrato in passato. Diventa ovvio, è un addio emotivo. Ed è una posizione umiliante in cui ritrovarsi. È tornato nella stessa posizione umiliante che lo ha sempre spinto: il rifiuto da parte di Catelyn Stark, l’umiliazione da parte di Brandon Stark [il fratello maggiore di Ned] – di nuovo a quando l’ha aperto dall’ombelico alla clavicola e non l’ha ucciso [dopo il loro duello per Catelyn quando erano giovani]. È di nuovo in quella posizione.

EW: Com’è stato il tuo ultimo giorno?

AG: Il mio ultimo giorno sul set non è stato per quella scena. [L’esecuzione] è stata la seconda scena che ho girato. Mi è piaciuto farlo così – girare la morte e poi girare il resto, quello che è successo prima. Quando sai cosa deve arrivare ti rilassi di più nelle interazioni con gli altri. C’è qualcos’altro che filtra nella tua interpretazione – una sorta di serenità. Ma sì, girare la scena finale è stato un momento molto emotivo. E non voglio dire che ero triste, ma è un momento emotivo per il personaggio, quindi provavo quello che provava lui. L’ultimo giorno di lavoro Dan e David non c’erano, ma Bryan Cogman [produttore esecutivo] ha chiamato alcune persone, hanno detto qualche parola, c’era anche mio figlio. È stato bello. E ho preso la mia spilla con l’uccellino. Avevo già fatto sapere che la volevo, e sono riuscito sapientemente a farmene dare due. Una è del mantello e l’altra della tunica. Quindi mi sono preso sia quella grande che quella piccola – una per me e una per mio figlio.

EW: La tua scena preferita è quella in cui Ditocorto minaccia Ros? Ne hai parlato qualche altra volta.

AG: È una delle mie scene preferite. È stato un ottimo momento nella seconda stagione per imparare qualcosa in più su Ditocorto. Anche altre scene mi sono piaciute molto – la scena con Sansa, nel giardino, in cui la bacio mentre parlo di sua madre; è lì che iniziamo a vedere come tutto questo sia mischiato nella sua testa. Ho cercato di continuare a portare un po’ di calore e affabilità ad un personaggio che lavora nell’ombra, che è cattivo e un traditore. Pensavo fosse il mio dovere fare in modo che piacesse alla gente.

EW: Alla fine, si potrebbe dire che è stato meglio avere la morte con il climax crescente nel finale della settima stagione, invece che essere uno dei numerosi eventi dell’ultima stagione, giusto?

AG: Sai cosa, mi è andata proprio bene. Al personaggio è andata proprio bene. Dovevano snellire un po’ il cast. Non è un problema, davvero. La fine accade quando accade. Oltre quello non penso.


Traduzione: Alessandra P.
Editing: Alex A.
Fonte: EW

Commenta questo post

Alex

Rispondi