La svolta cardine di Jaime nelle parole di Nikolaj Coster-Waldau

jaime leaving
Nikolaj Coster-Waldau parla della strategia militare di Jaime, della paternità e dell’abbandono della donna che ama.
 HBO: Ora che inizia la battaglia tra l’esercito dei Lannister e quello di Dany, cosa ne pensi della strategia militare dei Lannister?

NCW: “Dal punto di vista militare, riescono a fare grandi cose. Ovviamente, Jaime non è contento delle decisioni di Cersei – non si fida di Euron Greyjoy – ma ha senso. La sua decisione di abbandonare Castel Granito e ingannare l’esercito di Daenerys è stata grandiosa.

Naturalmente, la verità è che per quanto riguarda i draghi – e anche l’Esercito dei Morti – credere è una cosa, vedere un’altra. Quando l’esercito di Jaime viene attaccato dai Dothraki e da Daenerys, tutto cambia. Si rende conto che non possono combattere contro questa donna, è troppo potente. Le sue armi sono davvero fatali. Quindi hai un piano, e poi devi cambiarlo. Ora siamo arrivati ad un punto in cui non hanno più molte opzioni.”

HBO: A proposito dei draghi, com’è stato girare “The Spoils of War”?

NCW: “Incredibile. La cosa fantastica della serie è che cercano sempre di creare il più possibile. Ci sono gli stuntman che vanno a fuoco; i soldati Dothraki in piedi sui cavalli, scagliando frecce; la carovana con il bottino. Ti ispira tantissimo. Hai l’opportunità di lavorare con persone che sono ai massimi livelli, e tutti sono estremamente concentrati. Abbiamo girato fuori da una piccola città spagnola, Càceres, un posto molto bello. Per me è stata una delle esperienze più divertenti, girando Game of Thrones.”

HBO: Quando Jaime attacca Daenerys, ha un piano?

NCW: “È la foga del momento, vede un’apertura. Non è un idiota; e se c’è anche solo uno spiraglio di possibilità che la sua idea funzioni, deve farlo. Salverebbe i Lannister. Salverebbe sua sorella. Non ha tempo per pensare, coglie l’opportunità e fallisce.”

HBO: In che modo è cambiato Jaime, durante le stagioni?

NCW: “Sotto diversi aspetti, è un uomo diverso rispetto a colui che era prima di perdere la mano. Penso che prima avrebbe usato la forza bruta, sapendo che tanto, “Sono più forte di te, quindi anche se non ti piace, lo farò comunque e tu dovrai avere a che fare con le conseguenze.” Non può più fare così, ma credo che questo l’abbia reso un comandante migliore. È stato costretto a capire e usare l’empatia. La scorsa stagione, a Delta delle Acque, è riuscito a scongiurare un conflitto violento, semplicemente parlando con Edmure Tully. Jaime ha sfruttato la sua comprensione del fatto che, come padre, non esista nulla di più terribile dell’idea che i tuoi figli vengano feriti o uccisi. Il dolore che ha provato per Myrcella è stato diverso da qualsiasi altra cosa avesse mai provato. Nonostante sia stata una cosa orribile da fare a Edmure, ne è valsa la pena, ha salvato le vite di migliaia di persone.”

HBO: Cos’ha pensato Jaime quando ha scoperto che Cersei era di nuovo incinta?

NCW: “È una sorpresa assoluta. Penso sia scioccato, e c’è un momento in cui la guarda come per dire, “Ma che…mi prendi in giro?” Credo che per la prima volta in molte stagioni, Cersei sembri felice. È raggiante e per un brevissimo momento, anche Jaime si permette di esserlo. Naturalmente, lei rovina il momento dicendo qualcosa di sinistro.”

HBO: Cosa significa per lui il fatto che Cersei non voglia nascondere la sua paternità?

NCW: “Non ci sono dubbi, è quello che desidera da tutta la vita – poter essere chi era veramente, alla luce del sole. Ovviamente, la questione sorella – fratello è da pazzi, ma è comunque la sua realtà. È innamorato di questa donna, ed è una cosa sbagliata, segreta e pericolosa. Quindi, l’idea che “Magari potrei essere il suo uomo apertamente, e potremmo avere un figlio, potrei essere il padre senza dover fingere di essere lo zio”, gli va dritta al cuore. Non può evitare di pensare, “Sarebbe fantastico.”

HBO: Quello che gli dice Brienne alla Fossa del Drago gli arriva?

NCW: “Per lui è sempre stato “prima la famiglia,” quindi l’idea che questa situazione vada oltre per lui è arabo. Ma il messaggio gli arriva. È una di quelle situazioni in cui qualcuno ti dice qualcosa, e questo qualcosa ti frullava in testa già da un po’.”

HBO: In “The Dragon and the Wolf”, che cosa pensa dell’inganno di Cersei?

NCW: “È finita. Quella era la goccia. Lei è cinica in un modo che lui non riesce a capire. Non dai la tua parola davanti a tutti e poi li fotti. È troppo. Il fatto è che, sì, ci sono sempre stati inganni, ma Jaime è molto diretto per quanto riguarda il mantenere la parola data. Sta pensando, “Hai preso un impegno, e hai appena visto che questa situazione è reale, che cavolo…?” Cersei sta portando la situazione ad un livello esagerato per Jaime, neanche lui può più seguirla.”

 HBO: Cosa lo convince ad andarsene?

NCW: “Sembra che Cersei possa addirittura arrivare ad ucciderlo, e lui si rende conto che qualsiasi cosa provi per lei non è ricambiata. Tutta quella cosa di “Affrontiamo il mondo insieme,” beh, non son proprio insieme – perché lei non ci sta. Non stiamo giocando allo stesso gioco.”

HBO: Com’è stato girare quella scena?

NCW: “Aspettavo questo momento da anni. Penso che l’abbia vista fare cose folli prima d’ora, ma adesso sta mentendo a tutti e sta mentendo a lui. Te ne devi andare, “Quanto può sopportare questo tizio prima che sia troppo?” È stata una scena bellissima da girare.”

***

Fonte: Making Game of Thrones

Traduzione: Alessandra P.
Editing: Aranel/Mariacristina M.

 

 

 

Aranel

Graphic & Concept Designer, Illustrator and Cartoonist. But most of all, Art Lover. Daughter of the North. Nerd, and proud.

Rispondi