Il regista Podeswa sul season finale e il fuoco blu di Viserion

Le speranze per una rapida sconfitta dell’armata del Night King si sono sgretolate con la Barriera nel finale di stagione di Got “The Dragon and the Wolf”. Non si prevedeva nulla di buono da quando il comandante degli Estranei ha messo le sue mani fredde e non-morte su Viserion, adesso gli spettatori hanno visto da vicino le capacità distruttive del drago di ghiaccio.

Esattamente, cosa sputa un drago di ghiaccio? Ghiaccio? Fuoco?

The Huffington Post ne ha parlato con il regista del season finale, Jeremy Podeswa per avere dei dettagli.

“Per come l’ho vista io, quando è bruciato il tempio, quello era fuoco verde, quindi il drago avrebbe avuto un fuoco bluastro. Di sicuro è fuoco-ha l’abilità di bruciare la Barriera e sciogliere la neve. Ma avrà una diversa qualità magica, poiché proviene da un drago non-morto.”

Il drago sputa ancora fuoco, solo una varietà diversa e più pericolosa che potrebbe essere disastrosa per altre cose magiche, come i draghi di Daenerys. Per renderlo ancora più sconvolgente il team dietro GoT si è impegnato ad avere la fiamma blu perfetta.

Tu e il team dietro le quinte come avete deciso di mostrare la sequenza del drago di ghiaccio?

C’è voluto un po’ di ricerca e sviluppo in termini di come doveva sembrare e che sensazione doveva dare, che tonalità doveva avere, che impatto. Abbiamo registrato gli effetti di luce sulla Barriera prima di qualunque altra cosa, quindi dovevamo sapere presto che impatto doveva avere la fiamma prima ancora di sapere che tipo di fiamma fosse. Quando abbiamo fatto la ripresa sul set della Barriera, avevamo l’effetto di luce causato dalla fiamma, ma non avevamo ancora creato la fiamma vera e propria. A quel punto abbiamo avuto un’ottima idea.

Sono certo che tutti ti chiedano della scena iniziale a Fossa del Drago, ma da fan è stata fantastica da vedere. Quali sono state le sfide nel girarla?

Quella è stata una sequenza molto impegnativa, una delle più complesse che io abbia mai fatto. È quasi uno spettacolo teatrale. C’erano circa 50 pagine di copione tra il camminare verso la Fossa del Drago ed entrarci dentro con quasi tutti i personaggi dello show in un solo posto. È una specie di G8. L’abbiamo provato come una recita. Abbiamo fatto delle prove a Belfast. Siamo arrivati in Spagna e abbiamo fatto altre prove sul posto dove abbiamo fatto le riprese. Poi abbiamo fatto 5-6 giorni di sole riprese.

Ci sono state alcune scene- o sguardi tra personaggi- che tu o gli showrunner volevate includere e che avete dovuto eliminare per ragioni di tempo?

No, in realtà, straordinariamente l’abbiamo superata con incredibile efficienza. Penso sia stato interessante riuscirci perché molti membri del cast pensavano, “Come riusciremo a farcela?” perché era così ricca e c’erano così tante persone, e richiedeva molta attenzione. Una cosa grandiosa della scrittura di Dan e David è che è ricca di piccoli dettagli sui personaggi. Ogni sguardo, occhiata ha questa storia che portiamo nella sequenza tra i personaggi che non si vedono da molto tempo.
Tutto è carico. Tutto ha un significato e deve essere colto. È stato meticolosamente pianificato e coreografato e abbiamo deciso quanto avremmo fatto ogni giorno. È stata una vera conquista, davvero, catturare tutti quei momenti.

Durante la settima stagione temiamo che Arya e Sansa si siano messe l’una contro l’altra e poi finalmente ci riveli che in realtà non l’hanno fatto. Com’è stato creare quella sequenza?

Beh, era molto importante per me che il pubblico ci credesse continuamente- che Arya stesse davvero tramando per uccidere Sansa, e Sansa stesse pensando di uccidere Arya. All’inizio della scena con Ditocorto sembra davvero una svolta inaspettata, quando capiamo che tutti i ragazzi Stark ci sono dentro insieme e stanno legando grazie al nemico comune che è Ditocorto.
Penso sia la prima volta che vediamo i tre ragazzi riuniti, in modo forte, per un obiettivo. Vediamo la forza della famiglia che c’era prima di tutte le cose orribili che sono accadute, e adesso sono di nuovo insieme. Penso che il percorso fosse davvero importante, nessuno voleva rivelare niente, quindi gli attori erano incredibilmente convinti di questa cosa prima che iniziassimo a credere che tutto fosse possibile-qualunque cosa orribile è possibile. Ed è stato davvero soddisfacente per loro mostrare la loro solidarietà e per il pubblico vedere quanto sono legati.

Sono certo che tu abbia sentito che per i fan questa stagione si muova molto velocemente. Dal tuo punto di vista, il ritmo come si confronta con gli episodi su cui hai lavorato in precedenza?

In generale, io non penso molto al ritmo. Guardi ogni copione e quello che ogni copione richiede. Io ho diretto il primo e l’ultimo episodio, che sono molto diversi, nel primo episodio posizioni i percorsi e continui storie che abbiamo lasciato nella stagione precedente. Quindi ha un suo ritmo e non aveva enormi sequenze d’azione o cose del genere, ma era molto basato sui personaggi. Probabilmente ha messo meno carne al fuoco rispetto ad altri primi episodi.
E poi nel finale, molto riguarda continuare l’idea delle interazioni tra personaggi che non si vedono da molto o che non sono mai stati insieme. Anche se non è pura azione è ricco di dramma e tensione e le cose potrebbero potenzialmente andare a monte. Per me quest’episodio aveva tutto. Mi sembrava che stessi facendo un film con questo episodio-così grande, stratificato e sicuramente molto complesso.


Traduzione: Mariarosaria M.
Editing: Alex A.
Fonte

Alex

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.