L’astrofisico deGrasse e la sua “critica” divertente a Game of Thrones

L’astrofisico Neil deGrasse Tyson commenta il realismo scientifico di Game of Thrones!

Neil torna ad affrontare, con un occhio critico, un altro dei grandi successi della cultura popolare.
Neil deGrasse Tyson ha commentato gli elementi relativi alla fisica nella settima stagione di Game of Thrones.

Con una serie di tweet scherzosi ha parlato di questioni che vanno dalla quantità di calore emanato da un drago zombie, all’apertura alare dei draghi, alle catene estratte dal lago dai non morti (nessun commento, però, sulla velocità della corsa di Gendry).

  1. Errori di fisica in #GameOfThrones: Volete estrarre un drago da un lago? Le catene devono restare dritte, non possono piegarsi lungo le colline. (Queste catene saranno argomento di discussione anche fra 40 anni! – Quinn)
  2. Credevo che i morti congelati non potessero nuotare, ma a parte questo…
  3. Curiosità di fisica termica in #GameOfThrones: Il fuoco di drago blu sarebbe almeno tre volte più caldo di quello rosso.
    Il che spiega perché Viserion sia riuscito a distruggere la Barriera così facilmente…
  4. Biofisica corretta in #GameOfThrones: L’apertura alare dei draghi è giustamente ampia, per poter sorreggere il loro peso durante il volo….A differenza delle ali aerodinamicamente inutili dei cherubini rinascimentali.
  5. Biologia corretta in #GameOfThrones: Come anche in #LordOfTheRings, i draghi hanno perso le loro zampe anteriori e hanno sviluppato delle ali, come gli uccelli e i pipistrelli. (Draghi… Lord of the rings? – Quinn)

Tyson ha aggiunto anche questa osservazione di carattere politico:

Nell’universo di #GameOfThrones, “inginocchiarsi” rappresenta la più alta forma di rispetto e lealtà.

Essere recensiti da Tyson è un onore, perché significa che ha preso sul serio un racconto di Hollywood e ha pensato che fosse abbastanza realistico da meritare delle considerazioni. Precedentemente aveva commentato i film Gravity e Interstellar.

Traduzione (Fonte): Chiara B.
Editing: Quinn

Commenta questo post

Quinn

Rispondi