Sophie Turner: La fine di GOT nel 2019 e interpretare Dark Phoenix

Sophie Turner è cresciuta come attrice e non solo sul set di Game of Thrones. Aveva solo 14 anni quando iniziarono le riprese della prima stagione della serie HBO, con l’esordio in tv nel 2011. Ora, 2 mesi dopo l’inizio delle riprese dell’ottava e ultima stagione della serie, Sophie si sta preparando a lasciare il lavoro che ha contribuito decisamente al lancio della sua carriera – che ora include un ruolo chiave nel franchise degli X-Men per Fox – e imbarcarsi, così, nella prossima fase della stessa.

Ma prima c’è l’ottava stagione del “Trono”, le cui riprese sono iniziate a ottobre e che HBO sostiene che trasmetterà nel 2018 o 2019. Il network aveva originariamente annunciato il primo come obiettivo, ma negli ultimi mesi ha indicato che il secondo è forse più realistico e Sophie sembra confermare il 2019 in quest’intervista.

Sophie ha quindi rilasciato questa intervista a Variety sulla sua crescita come attrice nei panni di Sansa Stark, sulla prossima stagione e sui suoi piani post-Westeros.

Qual è stata la tua scena preferita della passata stagione?

Probabilmente è stata quella in cui si capisce che Sansa sta per uccidere Ditocorto (Aidan Gillen) e poi effettivamente lo uccide, facendo capire che Sansa e Arya (Maisie Williams) aveva progettato tutto a insaputa di Ditocorto, il che è un’impresa non da poco per due ragazzine contro un maestro manipolatore. È stato proprio un momento di incredibile potere per lei, essersi liberata del suo maestro dopo averne appreso tutte le tattiche. La studentessa ha ora superato il maestro.

Quella è stata la tua ultima scena con Aidan Gillen, con cui hai lavorato molto durante la serie. Com’è stato lavorare con lui per l’ultima volta?

È stato molto difficile, perché tra tutte le persone con cui ho lavorato nella serie, lui è stata una presenza costante dall’inizio alla fine, dalla prima alla settima stagione. Rappresenta tutta la mia esperienza in Game of Thrones. È stata la mia colonna portante. Dirgli addio è stato molto difficile, soprattutto perché la realtà ha seguito la finzione, è stato il mio mentore anche nella vita vera. Ho imparato moltissimo solo guardandolo recitare. C’era questo strano parallelo ed è stato molto emozionante per tutti.

Com’è stato lavorare da adolescente in mezzo a così tanti attori così bravi e esperti?

Ha sicuramente alzato i miei obiettivi. È stata sia una fortuna che una maledizione, ritrovarsi Game of Thrones come mio primo ruolo e lavorare con con sceneggiature incredibili, attori di enorme esperienza e alcune tra le troupe migliori in circolazione. Ti rende anche un po’ snob, credo. E visto che questo è stato il mio primo ruolo, gli altri attori sul set sono coloro da cui ho imparato a recitare. Ho imparato osservando Lena (Headey) e Peter (Dinklage) e Maisie e Kit (Harrington) e tutti gli altri. Li metto tutti su un piedistallo altissimo. Il pensiero di non lavorare più con loro è dolorosissimo. Sono cresciuta con loro.

Come se la caverà Sansa nella prossima stagione senza Ditocorto a consigliarla?

Sarà un po’ complicato per lei, perché alla fine della scorsa stagione l’abbiamo vista convinta di aver sistemato tutto. È di nuovo con la sua famiglia riunita, di nuovo in controllo del Nord. Ma questa stagione c’è una nuova minaccia, e tutto d’un tratto si ritrova di nuovo in grossi guai. E senza Ditocorto, diventa tutto un test da superare. È una grande sfida per lei, dover affrontare questo test senza il maestro manipolatore ad aiutarla. Questa stagione sarà una lotta più di passione che di manipolazioni politiche.

Forse perché, in questa stagione, dovré affrontare una minaccia meno politica e più esistenziale, più zombesca?

Beh, non lo so. Vedremo.

A che punto siete con la produzione dell’ottava stagione?

Abbiamo iniziato a ottobre, quindi probabilmente siamo a un decimo (ride). No, ci mancano ancora sei o sette mesi.

Si sente sul set che questa è l’ultima stagione?

Si sente eccome. Quando abbiamo letto la sceneggiatura della stagione, c’è stata molta, molta emozione. Per la prima volta nella storia della serie, era riunito tutto il cast. Tutti gli americani hanno voluto raggiungerci. C’era praticamente ogni singolo membro del cast. Sentiamo proprio che la fine sta arrivando. Restiamo tutti in città un po’ più a lungo, andiamo più spesso a pranzo o cena insieme, cerchiamo di passare più tempo insieme. Cerchiamo di assaporare di più il momento, sapendo che finirà.

Sei riuscita a entrare nel cast dei film sugli X-Men. Ora che non hai più il “Trono”, che altro vorresti fare?

Voglio fare un po’ tutto. Sento molto la fine della serie. Non ho più nulla da perdere, ora, perché non ho più Game of Thrones. Mi sento un po’ rinata, perché sono a una nuova fase della mia carriera – non necessariamente una fase migliore, semplicemente diversa. Quindi voglio provare un po’ tutto.

Sei emozionata per il prossimo anno, quando usciranno sia “X-Men: Dark Phoenix” che l’ottava stagione di Game of Thrones?

Certo, emozionatissima. Game of Thrones uscirà nel 2019, Dark Phoenix a novembre. Poi ho un altro paio di film indipendenti in uscita. Sono produttrice del mio prossimo film (“Girl Who Fell From the Sky”), quindi sono molto emozionata per il mio futuro.

*****

Per concludere in bellezza, in questi giorni Entertainment Weekly ha pubblicato le prime foto ufficiali di X-Men: Dark Phoenix. Eccole!

Quanto è figa la nostra Sophie? <3

 


Traduzione: Andrea D.
Editing: Alex A.
Fonte

Alex

Rispondi