“È più grande di quanto sia mai stato” Kit sul finale di Game of Thrones e Gunpowder

Kit Harington si è cimentato nella produzione con la miniserie Gunpowder, in cui interpreta il suo vero antenato, il ribelle cattolico Robert Catesby.

Catesby fece parte della Congiura delle polveri del 1605. un complotto per far esplodere il Parlamento inglese. Gunpowder è andata in onda in America sul HBO e poco prima su BBC UK.

Kit Harington – che al momento sta lavorando a Game of Thrones – ha rilasciato un’intervista a TIME, e ha raccontato come è riuscito ad adattarsi al ruolo di produttore e cosa ha imparato dai suoi superiori sul set di Game of Thrones.

Quando hai scoperto di essere un discendente di Robert Catesby?

A dire il vero, non lo so – è stata una delle prime cose che ho imparato, una storia di famiglia, una curiosità. Non so dire con esattezza quando io l’abbia saputo o l’abbia scoperto. Ciò che ha dato vita a questo progetto è stata la drammaticità collegata a questo evento storico. È così che mi ci sono avvicinato, grazie al legame di parentela con Robert, ma era una di quelle storie di famiglia che ti accompagnano sin dall’infanzia.

Secondo te Catesby è un personaggio in cui è facile immedesimarsi?

Più provavo a rappresentare Catesby e a entrare nella sua testa, meno simpatia provavo per lui. Viene perseguitato – capisco perché fa ciò che fa. Ma più cercavo, più capivo che è un uomo incredibilmente egoista. Trascina con sé molte persone che altrimenti non sarebbero mai diventate degli assassini. Leggendo e studiando il personaggio storico, ho scoperto che era molto pieno di sé. Credeva davvero che avrebbe cambiato la storia. In sostanza, dopo un po’ non è più stato in grado di vedere cosa stava davvero cercando di fare, cioè uccidere degli innocenti e diventare esattamente come quelli che lo perseguitavano.

Dev’essere complicato aver creato questo progetto, che ha permesso di far conoscere meglio un tuo antenato, e, però, averlo rappresentato come una persona aggressiva, infervorata. Cosa hanno pensato i tuoi genitori?

Erano al settimo cielo! Dev’essere stato nel 2005, mia mamma aveva scritto un ottimo pezzo per la radio (è una sceneggiatrice), e scrisse un pezzo davvero bello sulle donne della Congiura delle polveri, fra le quali la madre di Catesby. Era andata a fondo e aveva analizzato la complessità della storia. Per questo, era molto felice che anche io avessi avuto l’idea di creare qualcosa sull’argomento.

Da un punto di vista meno comprensivo, Catesby e i suoi compatrioti potrebbero sembrare dei terroristi.

Non penso che fossero dei terroristi. La parola terrorismo all’epoca non era ancora stata coniata. Erano dei rivoluzionari. Spesso nei film vediamo dei terroristi, ma il motivo delle loro azioni non viene indagato. Noi abbiamo avuto l’opportunità di farlo.

È stato interessante fare delle ricerche su una parte di storia della tua famiglia?

Di solito tutti sappiamo del complotto, sappiamo dei 36 barili [di polvere da sparo], conosciamo Guy Fawkes. Ma non sappiamo nient’altro! Questo è un periodo storico affascinante, brutale, e c’era molto di più da poter esplorare. Il periodo appena prima di questo è molto popolare nei film e in televisione. Ma questo è stato più o meno dimenticato e invece è un momento davvero interessante, di grandi cambiamenti.

Con Gunpowder sei passato dall’essere un attore sul set all’essere il comandante della nave. Com’è stata la transizione?

Non è stato un salto così grande; ormai erano anni che osservavo il lavoro dei produttori sul set di Game of Thrones. E ho lavorato con alcuni dei migliori, Chris Newman, Bernie Caulfield, Carolyn Strauss, Frank Doelger, D&D. Credo che in realtà volessi fare una prova e vedere come fosse veramente. E mi è piaciuto! Mi è piaciuto davvero molto e mi è venuto piuttosto naturale. Mi è piaciuto avere il controllo di tutto il progetto. A volte mi sento un po’ come una pedina – si vorrebbe avere più diritti nel creare la propria storia. Era questo che stavo cercando.

Sul set di Game of Thrones hai potuto imparare qualcosa in particolare sul ruolo di produttore?

La cosa che ho notato maggiormente è che se tutti amano quello che fanno, il cast, il personale e i produttori collaborano e tutti vanno d’accordo, se un gruppo di persone riesce a trovare la giusta energia, allora il prodotto finale può solo trarne beneficio e diventare migliore. E penso che David e Dan in questo siano molto bravi. Tutti si sentono un po’ come una famiglia. Ed era qualcosa che volevo provare a raggiungere, se avessi prodotto qualcosa: quell’energia viene dai produttori. Mi piace pensare di aver contribuito in qualche modo a ricreare quell’atmosfera.

Ora stai lavorando all’ultima stagione di Game of Thrones. L’ultima volta che abbiamo parlato, durante le riprese della settima stagione, hai detto che stavi cercando di accettare il fatto che lo show sta per finire. Ci sei riuscito?

Direi di sì! Ora sono a York, tornerò a Belfast [dove viene girato lo show] nelle prossime settimane. È più sensazionale di quanto non lo sia mai stato! Lo sto accettando, ma è molto commovente. Non so come mi sentirò l’anno prossimo, quando avremo finito. È una transizione piuttosto improvvisa, credo, ma sembra il momento giusto.

Traduzione: Chiara B.
Editing: Quinn

Quinn

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.