Gemma Whelan svela i piani e i segreti di Yara Greyjoy

yara1

L’attrice che dà il volto alla donna più badass delle Isole di Ferro, Yara Greyjoy, ha raccontato ciò che pensa dell’Acclamazione di Re, del futuro di Theon e del lato sentimentale di Yara.

***

Quando sei venuta a conoscenza del ruolo di Yara nella sesta stagione?

[I creatori della serie] David [Benioff] e Dan [Weiss] mi avevano detto che la quinta stagione sarebbe stata piuttosto scarsa per Yara, che era il loro modo gentile per dirmi: “Non ci sarai”. Però mi avevano detto: “Stiamo preparando grandi cose per la sesta stagione”. Dave e Dan sono sempre stati uomini di parola, quindi sapevo che avrei avuto un bel ruolo. Ero elettrizzata quando ho letto i copioni. Sono geniali.

È stato strano non partecipare alla quinta stagione e vedere i tormenti che ha subito Theon?

Ho guardato lo show a casa come un povero cucciolo attaccato alla TV. Ho avuto altri impegni molto soddisfacenti, ed è stato bello, ma sicuramente mi è mancata la gita annuale a Belfast per vedere i ragazzi.

In realtà è stato davvero triste vedere Alfie [Allen, che interpreta Theon] così tormentato. Alfie e io siamo buoni amici e adoriamo il nostro rapporto come Yara e Theon. Ogni volta pensavo: “Aw, sta lavorando con altra gente! Rivoglio mio fratello.” Ma sono molto orgogliosa di Alfie, è sempre fantastico. Sapevo che ci saremmo riuniti, e che le sue fatiche avrebbero reso la nostra storyline più forte e interessante.

Come pensi che Yara possa aver preso la morte del padre?

Non credo che le manchi il padre. Non ho voluto che sembrasse così, perché avevano un rapporto piuttosto incrinato. Non ha perso una persona che amava. Ma la sua rabbia si accende quando arriva Euron. All’Acclamazione di Re, Yara capisce poco a poco che è stato Euron a far fuori Balon. Fa un accenno alla cosa, ma non mostra alcuna emozione a riguardo. Va avanti nonostante tutto, e pensa: “Ok, se n’è andato. Ora abbiamo una missione.” In quel momento deve prendere delle decisioni ferme e veloci, senza mostrare debolezza.

Yara sembra il candidato perfetto. Come ha potuto perdere l’Acclamazione di Re?

Anch’io tifavo per lei. Ho pensato: è perfetta. Ha fatto delle buone scelte, è decisa ma comprensiva. È la donna perfetta. E appena inizi a pensare che vincerà, Euron le piomba addosso. Spero che i fan abbiano avuto la mia stessa sensazione mentre lo guardavano: delusione e disperazione. Ora abbiamo una nuova battaglia da combattere.

Un paio di persone mi hanno inviato dei tweet chiedendo: “Perché Yara continua a scappare dai pericoli?” È perché sta prendendo tempo. È come una partita di scacchi, e sta facendo molte mosse strategiche per portarsi avanti – il che la rende un candidato ancora più adatto al comando. Sa esattamente come funziona il gioco.

Ora qual è il rapporto fra Yara e Theon?

Credo che abbiano ancora qualche problema. Tra le crepe del loro rapporto riesce a passare abbastanza luce perché Yara trovi un po’ di speranza, ma è ancora lontana dal fidarsi di lui dopo tutto ciò che è successo. Ma lo sguardo che ci siamo scambiati all’Acclamazione di Re è un’inquadratura bellissima: “Sei sicuro?”, “Sì, lo sono.”, “Lo facciamo?”, “Facciamolo.”

Il discorso di Yara al fratello è stato il massimo del sentimentalismo degli Uomini di Ferro?

Credo che sia il massimo dell’intimità e dell’emotività che gli Uomini di Ferro possano avere in famiglia – lo porta in un bordello e lo fa bere. [Ride.] È un bel momento quando lo obbliga a guardarla in faccia e a decidere di cambiare.

Che cosa intende Yara quando chiede di vedere “il vero Theon Greyjoy”?

È una bella domanda perché in realtà non ha passato molto tempo con Theon negli ultimi dieci anni. C’è stato un ritorno difficile e burrascoso e poi è stato mandato via di nuovo. Lei non lo conosce veramente, ma suppongo che abbia visto degli stralci del vero Theon Greyjoy quando era tornato dicendo: “Andrò in guerra con gli Stark. Ho un piano perfetto, questo è ciò che faremo.” Ha visto del fuoco ardere nelle sue vene. Sono fratelli; sanno di cosa è fatto l’altro nel profondo e cosa hanno dovuto passare per sopravvivere. Immagino che debba riconoscere che abbia un po’ di forza dentro di lui, anche se è stata sepolta.

Yara è fiduciosa che Theon possa riprendersi dopo essere stato Reek?

Penso che ne sia sempre più convinta. Crede davvero che lui possa superare il suo trauma – non darebbe la sua fiducia a un codardo o a uno sciocco. Sa di avere delle responsabilità per farlo tornare come prima, ma lo rivuole e ha bisogno di lui perché non c’è nulla come un alleato in famiglia. Non rischierebbe tutto se in fondo non credesse che lui possa tornare come prima ed essere fedele a lei e a sé stesso.

Euron è una grande minaccia?

All’Acclamazione di Re è una minaccia enorme e sovrastante. È abbastanza chiaro che gli uomini che Yara considerava suoi siano dei voltagabbana – hanno subito abbracciato il discorso di Euron, che era molto agguerrito, sensuale, sfrontato, rabbioso, appassionato e persuasivo. Quegli uomini sono molto volubili e maschilisti.

Sapevi che Yara era gay?

No, non ne avevo idea! [Neanche noi, dato che nei libri non lo è, NdAranel] Credo che le piacciano sia uomini che donne. Non credo che si limiterebbe a uno o all’altro. È uguale. Va bene tutto, a patto che sia divertente e interessante.

BOTTA E RISPOSTA

Scegli la tua arma: magia, frusta, spada o lancia?

Credo magia. Non so perché, ma sembra la cosa più divertente.

Se fossi Regina, chi vorresti come Primo Cavaliere?

Theon.

Se potessi entrare nella mente di un personaggio qualsiasi dello show, chi sceglieresti e perché?

Jaqen H’ghar. Mi intriga tantissimo. Quando lo vedo mi chiedo: È davvero lui o sta fingendo di essere qualcun altro? Quanti volti diversi ha? Mi piacerebbe tantissimo sapere cosa succede nella sua testa e qual è il gioco a cui sta giocando. Potrei diventare chiunque!

***

Fonte: Making Game of Thrones

Traduzione: Chiara B.
Editing: Aranel/Mariacristina M.

Commenta questo post

Aranel

Graphic & Concept Designer, Illustrator and Cartoonist. But most of all, Art Lover. Daughter of the North. Nerd, and proud.

Rispondi