George R.R. Martin ha ‘sentimenti contrastanti’ sulla fine di Game of Thrones

L’epica conclusione del capolavoro fantasy di George R.R. Martin verrà rivelata da HBO e non dalla carta stampata con cui la storia è cominciata 23 anni fa.

Naturalmente, zio George ha “sentimenti contrastanti a riguardo.”

“É stato un viaggio incredibile, e quasi tutto grandioso. Ovviamente, sarei stato più felice se avessi finito i libri prima così lo show non mi avrebbe superato. Non l’avevo previsto.”

Zio George, ormai 70enne, si è sforzato per otto anni per finire il sesto libro delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, The Winds of Winter, che ad oggi non ha ancora una data di pubblicazione. C’è anche un settimo libro nel piano, A Dream of Spring. Sulla carta, la battaglia tra i regni a Westeros e a Essos si è fermata nel 2011 con La Danza dei Draghi, che termina con la morte di Jon Snow, un colpo di scena superato nell’ultimo episodio della stagione 5 nel 2015.

Da allora non è chiaro quanto le storie dello show siano vicine ai libri di Martin. Anni fa lo zio ha spiegato agli showrunner David Benioff e Dan Weiss i suoi piani a grandi linee per la fine della saga. Lo show si è allontanato dai libri molto prima della fine dei libri pubblicati finora (per esempio, Ramsay Bolton sposa un personaggio minore nei libri, non Sansa Stark).

All’inizio Martin scriveva un copione per stagione, poi ha smesso di farlo.

“Dopo la quarta stagione George ha deciso di dedicarsi ai libri,” ha detto Dan Weiss “Chiunque li abbia letti sa di cosa parlo e questo richiede 64 ore di lavoro al giorno per funzionare, le differenze tra show e libri sono diventate difficili da mettere in parallelo, è come se George fosse in un film sci-fi in cui deve mantenere due mondi simili ma diversi nella mente in contemporanea.”

I produttori hanno rivelato che una delle scene drammatiche della sesta stagione— la rivelazione su Hodor — veniva direttamente da Martin. E anche la storia dei genitori di Jon Snow è sicuramente dello zione. Per quanto riguarda il resto della storia, è tutto un mistero, e gli showrunner sperano di mantenerlo.

“Una delle nostre preoccupazioni era che i libri spoilerassero lo show, fortunatamente non è successo per la maggior parte. Adesso che lo show ha superato i libri, sembra che lo show potrebbe rovinare questi ultimi. Una cosa che abbiamo detto a George è che non riveleremo le differenze, così quando usciranno i libri, le persone potranno goderseli senza problemi.”

Gli showrunner hanno anche fatto notare che non conoscono nel dettaglio il futuro delle storie (“George scopre un sacco di cose mentre scrive” parole di Benioff). La cosa sorprendente è che zio George non sa come finirà lo show.

“Non ho letto i copioni e non ho potuto visitare il set perché sto lavorando a Winds. So alcune cose. Ma ci sono molte storie di personaggi minori che completeranno da soli. In più mi hanno superato anni fa, le discrepanze potrebbero essere importanti.”

Benioff e Weiss avevano invitato zio George in Nord Irlanda per un cameo, visto che quello che ha fatto nel pilot al matrimonio di Daenerys non è mai andato in onda. Ha resistito alla tentazione e ha preferito continuare il lavoro su Winds, guarderà lo show insieme agli spettatori di tutto il mondo.

“Per molti è la fine. Per me non lo è. Ci sono ancora dentro fino al collo. Farò meglio a vivere a lungo perché ho ancora un sacco di lavoro da fare.”



FONTE
Editing: Alex A.
Traduzione: Mariarosaria M.

Alex Auriuso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.