Una psicologa si esprime sul cambiamento di Daenerys

Nel lungo tragitto verso il dominio dei Sette Regni, uno dei personaggi più popolari del continente ha preso una svolta piuttosto drammatica, che ha sconcertato molti fan.

Anche voi siete turbati? Secondo la psicologa clinica Janina Scarlet, che fra le altre cose è anche scrittrice e appassionata di fantasy, la delusione che molti di noi provano non è affatto uno scherzo.

Dunque, nel quinto episodio Daenerys e Drogon costringono le truppe di Cersei ad arrendersi senza difficoltà, ma poi danno comunque fuoco alla città. Non ha molto senso, no?

L’ex distruttrice di catene, e pretendente principale al Trono di Spade e ai nostri cuori, si è trasformata repentinamente nella Regina Folle, o nella “Regina delle Ceneri” che aveva giurato non sarebbe mai diventata.

La psicologa clinica Janina Scarlet ha spiegato che in questi anni Game of Thrones ha costituito una sorta di rifugio per le persone che sono state vittime di trauma. Questi fan hanno sentito una profonda connessione con i personaggi che a loro volta hanno patito delle sofferenze, come le deformità fisiche o la perdita di molte persone care.

Perciò, il cambiamento negativo della Khaleesi è stato particolarmente sconvolgente per i fan che sentivano un legame con il suo personaggio dopo aver assistito alle sue imprese epiche: Dany ha saputo liberarsi dalle circostanze terribili in cui si trovava, ha camminato tra le fiamme, ha liberato gli schiavi, ha portato i draghi al Nord e ha contribuito a schierare le truppe per sconfiggere il Re della Notte. Praticamente era Abramo Lincoln, Hercules e Winston Churchill, tutti combinati in un’unica persona che, oltretutto, cavalca dei draghi.

La Scarlet ha usato l’espressione “interazione parasociale” per descrivere il legame che può unire un fan e un personaggio di fantasia oppure una celebrità.

Cioè?

Le interazioni parasociali possono aiutare i fan a sentirsi meno soli nella loro lotta con le malattie mentali, possono infondere speranza e creare un dialogo sui traumi e il percorso di riabilitazione. Vedere una persona che viene da un’infanzia di abusi, che ha vissuto violenze, aggressioni e tragedie può aiutare molte persone nelle stesse condizioni, soprattutto le donne, a capire ed elaborare meglio le proprie esperienze traumatiche.

La Dottoressa, che vive a San Diego, si definisce anche una geek, una scrittrice e la creatrice della “Superhero Therapy”. Un approccio che integra i personaggi più amati dei fumetti, della fantascienza, del fantasy e dei videogiochi in alcuni metodi di psicoterapia. L’obiettivo è quello di lavorare con i pazienti per individuare i loro talenti e i loro punti di forza, usando come esempio personaggi come Veronica Mars, che ha un talento speciale per il lavoro investigativo.

Come tantissimi altri fan, pensa che la carneficina di migliaia di persone non corrisponda esattamente all’immagine di Daenerys a cui siamo abituati, sin dai bei vecchi tempi in cui distruggeva catene a Meereen.

Per molti fan, soprattutto le donne, che si identificano con Daenerys per le sue esperienze traumatiche, questo cambiamento improvviso può provocare confusione e sofferenza emotiva. Una svolta narrativa di questo genere potrebbe sottrarre a diverse vittime di traumi il senso di controllo che hanno sviluppato grazie a queste interazioni parasociali.

La psicologa è anche preoccupata dal fatto che la rappresentazione di una violenza estrema contro una moltitudine di personaggi sconosciuti potrebbe agire da trigger psicologico.

Spero che, in futuro, gli autori di televisione e cinema valuteranno l’idea di lavorare con dei consulenti culturali e/o psichiatrici, soprattutto quando si occupano di storie che raccontano traumi, shock e orrori, in modo da essere consapevoli degli effetti potenziali che un episodio o una scena potrebbero produrre negli spettatori.

HBO non ha risposto alle richieste di commenti.

Ormai le cose sono andate così, ma forse in futuro ci saranno più eroi che possono essere dei modelli di vita anche quando commettono errori.

Traduzione (fonte) Chiara Bonetti
Editing: Quinn
Foto: HBO
©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.