Uno stratega militare difende le scelte tattiche della Battaglia di Grande Inverno

Numerose sono state le critiche e gli indici puntati contro debolezze vere, presunte, evitabili od inevitabili che sarebbero state commesse durante La Lunga Notte a livello di tattica militare. Fermo restando che stiamo parlando di un fantasy e di un nemico non-morto, vi riportiamo il parere di un esperto nel campo. Uno vero, stavolta.

Ecco allora l’analisi di entrambe le tattiche usate durante la battaglia di Grande Inverno da parte di uno stratega militare: Robert Farley.

Un esercito di vivi composto da Dothraki, cavalieri, fanteria Immacolata, guerrieri di Westeros e un paio di draghi (da oggi in poi chiamati Team Vivi) ha combattuto contro una fiumana di corpi rianimati (Team Morti). Nessuna delle due parti aveva combattuto in una battaglia come quella di Grande Inverno. Nonostante alcuni errori importanti, il Team Vivi è riuscito a spuntarla.

Il pubblico si è concentrato soprattutto sugli errori del Team Vivi, senza prendere in considerazione gli errori del Team Morti e l’apprezzamento delle decisioni prese dai Vivi. Di seguito esamineremo come ha fatto il Team Vivi a sopravvivere, con l’aiuto di qualcuno che ha studiato al College di Guerra dell’esercito degli Stati Uniti.

Team Vivi

Saremo molto chiari sulla strategia del Team Vivi: ​dovevano​ provocare una battaglia per evitare la minaccia di un assedio prolungato. Tra cavalli, draghi e uomini, il Team Vivi avrebbe esaurito molto più velocemente le scorte di cibo mentre il Team Morti non avrebbe avuto questo problema. I Vivi ​volevano​ che i Morti iniziassero a combattere davanti ai cancelli di Grande Inverno perché volevano distruggere l’armata o il Re della Notte in persona. Ciò significa accettare qualunque svantaggio, anche il buio.

Cavalleria

L’utilizzo della cavalleria del Team Vivi è stato ampiamente criticato, in parte per il suo annientamento quasi totale durante i primi minuti della battaglia. Il Team Vivi merita delle critiche, ma l’attacco della cavalleria è pensato come una scommessa poco rischiosa in una situazione difficile, non è un errore di giudizio.

Il successo di un attacco di cavalleria contro la fanteria richiede un fiancheggiamento (colpire una formazione al fianco mentre un altro gruppo attacca il suo fronte) o un assalto frontale che sconvolge la formazione. Entrambi dipendono più da fattori psicologici che fisici. La paura di essere attaccati da due lati induce la fanteria a rompere le righe e fuggire, proprio come la paura di essere sopraffatti fa sì che la fanteria lasci le proprie armi e scappi. In entrambi i casi, la cavalleria corre libera e uccide finché la fanteria non riesce a riprendersi.

Ma il successo dipende dalla capacità della cavalleria di indurre il panico (<- e come lo induci il panico in un esercito di non morti?).

Sappiamo anche da fonti antiche e medievali che i comandanti hanno avuto difficoltà a tenere sotto controllo anche la cavalleria con esperienza. Una volta che la cavalleria lascia il campo visivo e la distanza uditiva di un comandante, è da sola e non gestibile. Formazioni di cavalleria comunemente abbandonano il campo di battaglia per perseguire obiettivi distinti da quelli dei loro ufficiali comandanti. Anche nella battaglia di Gettysburg, il generale Robert E. Lee perse i contatti con la sua cavalleria, lasciandolo cieco nella lotta contro l’esercito del Potomac.

Il Team Vivi sapeva abbastanza del Team Morti per indovinare che i Dothraki dovevano affrontare una specie di fanteria che non avevano mai incontrato prima; una senza paura e quindi invulnerabile allo shock e al fiancheggiamento.

Inoltre, nel buio, i Dothraki probabilmente non potevano nemmeno identificare il fianco nemico. Sebbene non sia chiaro se il Team Vivi avesse un piano ben congegnato per la carica di cavalleria, potrebbe aver creduto di poter sfruttare la mancanza di disciplina del Team Morti (che non ha combattuto in solide falangi o con armi standardizzate) per raggiungere e attaccare i generali Estranei. Alessandro Magno impiegò una variante di questa strategia nella battaglia di Gaugamela.

Mentre tutto questo ha senso teorico, è anche in contrasto con decenni di esperienza di combattimento di Dothraki. Quando i Dothraki hanno sfidato una fanteria indisciplinata, quella fanteria ha rotto i ranghi e si è dispersa. Quando i Dothraki hanno combattuto una fanteria disciplinata (gli Immacolati, per esempio), la fanteria ha subito perdite ma poteva ritirarsi e mantenere l’integrità e la mobilità.

Nella battaglia di Grande Inverno, la fanteria del Team Morti ha semplicemente assorbito la maggior parte della cavalleria dei Dothraki senza rompersi e correre.

Ciò ha lasciato la cavalleria immobile e in gran parte indifesa contro gli attacchi da ogni parte. Probabilmente i Dothraki non immaginavano il loro attacco come una carica suicida, ma avevano strumenti limitati per giudicare l’efficacia del Team Morti.

Niente di tutto questo rende la cavalleria una buona idea. Ma l’errore è stato commesso nei giorni precedenti la Battaglia di Grande Inverno, non nei minuti prima della carica. Il miglior impiego dei Dothraki sarebbe dovuto essere quello di esploratori a lungo raggio e schermagliatori nei giorni precedenti la battaglia. Anche allora, tuttavia, la loro utilità era limitata; la cavalleria spesso riesce a interrompere le linee di rifornimento e le imboscate ai gruppi di raccolta, e il Team Morti non ha avuto bisogno di nessuno di questi. E in ogni caso, a meno che il Team Vivi non abbia risparmiato un drago per il supporto aereo, qualsiasi gruppo di Dothraki sarebbe stato vulnerabile a Viserion.

Se i Dothraki non avessero caricato, si sarebbero trovati bloccati contro la fanteria, la loro mobilità persa.

Se si fossero spostati a destra o a sinistra in cerca dei fianchi del Team Morti, avrebbero corso il rischio di essere fiancheggiati (anche il Team Morti aveva la cavalleria, e la sua fanteria era veloce e senza paura) o distrutti da Viserion e il Re della Notte.

Fanteria
Come per la cavalleria, la fanteria dei viventi ha poca esperienza nel combattere un esercito di morti.

Mentre potevano aspettarsi che il Team Morti non perdesse il morale di fronte a pesanti perdite, l’efficacia degli Immacolati contro i non-morti era incerta. Non era del tutto irragionevole pensare che la fanteria più disciplinata del mondo potesse trattenere il Team Morti abbastanza a lungo da permettere alla cavalleria (se fosse sopravvissuta) o ai draghi di avere un impatto sostanziale. Non ha funzionato, ma gli Immacolati erano abbastanza disciplinati da tenere insieme e coprire il ritiro di gran parte del Team Vivi. Invece, il Team Morti ha semplicemente superato i ranghi avanzati della fanteria del Team Vivi senza preoccuparsi troppo delle manovre di fiancheggiamento.

Artiglieria

L’uso dell’artiglieria da parte del Team Vivi era semplicemente brutto. Ha schierato una serie di catapulte e trabucchi tra la cavalleria e la fanteria, e li ha usati in una raffica di preparazione immediatamente prima della carica di cavalleria. L’idea di colpire il Team Morti poco prima della carica avrebbe avuto un senso con il potere distruttivo dell’artiglieria della prima guerra mondiale, ma i trabucchi e le catapulte semplicemente non potevano fornire sufficiente potenza di fuoco per intaccare la fanteria a piedi in un contesto pre-moderno. E dopo che la carica di cavalleria è fallita, l’artiglieria cade rapidamente vittima dell’assalto di fanteria del Team Morti. Una strategia migliore avrebbe posto l’artiglieria dietro la fanteria, o meglio ancora dentro le mura di Grande Inverno, dove avrebbe potuto continuare a sparare per una durata molto più lunga​.

Draghi

I draghi rappresentavano il più grande vantaggio del Team Vivi. I comandanti Daenerys Targaryen e Jon Snow hanno guidato rispettivamente Drogon e Rhaegal e hanno avuto un vantaggio numerico di due a uno rispetto al Team Morti. Tuttavia, come per molti combattimenti aerei storici, il Team Vivi non poteva semplicemente forzare un impegno favorevole contro il Team Morti; il Re della Notte poteva evitare del tutto il combattimento o affidarsi alle comprovate difese anti-aeree del suo esercito. In effetti, ogni decisione di usare il fuoco di drago per sostenere la fanteria era carica di pericolo, poiché rappresentava una potenziale opportunità di agguato sia dal Re della Notte che dai suoi Estranei. I Senza Volto sono stati fondati millenni dopo l’ultimo conflitto tra vivi e morti, il che significa che il Team Morti avrebbe solo una conoscenza limitata della loro esistenza e capacità.

Il più grande momento di pericolo del Team Vivi potrebbe essere arrivato presto, dato che Jon Snow ha considerato l’utilizzo di Rhaegal per colpire una linea di Estranei a cavallo.

Ognuno di quegli Estranei portava una lancia di ghiaccio che rappresentava una minaccia mortale per Rhaegal, e uno scontro sarebbe andato molto male per il Team Vivi. Fortunatamente, il Re della Notte ha commesso l’errore di evocare una tempesta proprio in quel momento, dissuadendo Jon dal compiere l’attacco e oscurando i draghi del Team Vivi dal fuoco di terra.

Tuttavia, la strategia del Team Vivi per l’utilizzo dei draghi ha funzionato, nonostante la tempesta di neve evocata dal Team Morti.

Il Re della Notte non riesce a isolare e agguantare con successo Drogon e Rhaegal, e alla fine si trova a scendere grazie agli sforzi combinati dei cavalieri dei dragoni del Team Vivi. Se Daenerys Targaryen avesse semplicemente ordinato a Drogon di atterrare vicino al Re della Notte e sia che lo facessero a pezzi o lo tenesse stretto fino a quando Jon Snow fosse arrivato con l’acciaio di Valyria, la battaglia sarebbe potuta finire molto prima.

Il Team Vivi ha utilizzato un sistema di fortificazione a strati progettato per fornire spazi di respirazione per i difensori in caso di sconfitta sul campo.

I primi strati erano serie di ostacoli di legno, sostenuti da una fossa fiammeggiante. Il secondo strato erano le stesse mura di Grande Inverno; il terzo, una varietà di ostacoli all’interno del castello. L’ultimo si trovava nelle cripte, che potevano essere attaccate solo attraverso una porta singola, facilmente difendibile (fino a quando, cioè, gli antenati degli Stark non sono stati rianimati dal Re della Notte).

Niente di tutto questo era una cattiva idea, e il concetto era certamente meglio concepito di un semplice rifugio tra le mura.

Quando è arrivato il momento, il Team Morti ha usato i suoi soldati senza paura e usa e getta per creare percorsi multipli per scalare le pareti. Il Team Vivi avrebbe previsto questo, che probabilmente è uno dei motivi per cui non ha sprecato sforzi eccessivi contro la protezione dalle violazioni. Al Team Vivi mancava il luogo per produrre l’Altofuoco, che in ogni caso non sarebbe stato utile contro la fanteria. L’olio bollente avrebbe potuto rendere i dolori più irritabili ma probabilmente non avrebbe rallentato la loro avanzata. Inoltre, il Team Vivi era a conoscenza della presenza di giganti nel Team Morti e aveva esperienza di giganti che distruggono le porte ben fortificate (sia a Castello Nero che a Grande Inverno).

Il Team Vivi avrebbe dovuto sviluppare molteplici riduzioni difendibili all’interno di Grande Inverno che sarebbero state difficili da scalare o violare.

E probabilmente qualcuno avrebbe dovuto prendere atto del fatto che le cripte contenevano persone morte.

Forze Speciali

Il Team Vivi aveva un Senza Volto, un assassino addestrato dall’altra parte del Mare Stretto. Mentre il Team Vivi mancava di un piani chiaro su come portare il Senza Volto insieme ai principali membri del Team Morti, la sola presenza di un tale killer offriva un vantaggio evidente, e in questo caso decisivo, per il Team Vivi.

I Senza Volto sono stati fondati millenni dopo l’ultimo conflitto tra vivi e morti, il che significa che il Team Morti avrebbe avuto solo una conoscenza limitata della loro esistenza e capacità.
Team Morti

Il Team Morti è entrato in battaglia con un enorme vantaggio numerico, un esercito formato da soldati senza paura della morte, un drago non morto e nessuna impronta logistica. Il Team Morti ha cercato la completa distruzione del Team Vivi ma si è concentrato in particolare sui draghi Drogon e Rhaegal, e sul “Corvo a tre occhi”, un … beh, non è chiaro, ma era importante per il Team Morti.

Fanteria

L’uso della fanteria da parte del Team Morti era privo di fantasia ma efficace. L’esercito di non-morti ha tenuto la cavalleria del Team Vivi lontano dai comandanti (Estranei) e ha utilizzato tattiche shock per distruggere le squadre di fanteria del Team Vivi. Quando necessario, i non-morti si sacrificavano per fornire posizioni di ponteggio e arrampicata per i loro fratelli, operando efficacemente come motori di assedio animati. In termini operativi, il Team Morti potrebbe avanzare rapidamente perché i suoi soldati non hanno bisogno di riposo, riducendo il tempo di preparazione disponibile per il Team Vivi. In breve, il branco di fanteria del Team Morti ha fatto superato le aspettative.

Artiglieria anti-aerea

I missili anti-drago rappresentavano uno dei vantaggi asimmetrici del Team Morti. Il Re della Notte aveva usato un giavellotto simile su Viserion, e molti degli altri Estranei li trasportavano. Se usati correttamente, questi avrebbero fornito un deterrente contro gli attacchi dei draghi, così come l’opportunità di creare una trappola che potesse abbattere uno o più draghi. Questi missili hanno portato il Team Vivi a utilizzare i draghi per un ruolo di supporto a terra estremamente pericoloso, soprattutto senza una buona conoscenza della disposizione degli Estranei. Nel caso, la tempesta di neve ha reso difficile per il Team Vivi persino notare delle armi, e il Team Morti ha sprecato uno dei suoi più grandi vantaggi.

Magia

Il Re della Notte ha due assi nella manica, uno per preparare il campo di battaglia e l’altro per ripulirlo. Il primo è quello di evocare una tempesta di neve, che riduce la visibilità e rende difficile per Drogon e Rhaegal lavorare come una squadra. Come notato sopra, tuttavia, questo sembra avere lo sfortunato effetto di ridurre anche la visibilità del Re della Notte, mentre lotta per intercettare uno dei draghi viventi in una situazione vantaggiosa e non riesce a portare uno dei draghi vivi nella linea di tiro degli “Estranei anti draghi”.

L’altro trucco del Re della Notte, rianimare i morti, torna utile dopo che Daenerys lo fa cadere da Viserion durante la battaglia.

Immerso nel fuoco di Drogon, il Re della Notte non era chiaramente immune dall’acciaio Valyria della spada di Jon Snow. Il suo trucco di rianimazione ha creato una fanteria aggiuntiva, risparmiandogli il disturbo del combattimento corpo a corpo con Jon Snow e creando una serie di problemi per il Team Vivi.

Draghi

Il Re della Notte aveva un drago rispetto ai due del Team Vivi. Viserion è stato fondamentale per sfondare il muro ed è stato importantissimo nella battaglia di Grande Inverno. Ma avere un drago significa che puoi perdere un drago, e Viserion è diventato un punto focale per il Team Vivi all’inizio del combattimento.

Il Re della Notte poteva risolvere il suo problema tattico in due modi.

In primo luogo, poteva isolare Drogon o Rhaegal e tendere un agguato a uno dei due prima che l’altro potesse intervenire. Non è chiaro se un drago vivente sia più duro di un drago morto o se abbia organi sensoriali migliori. L’imboscata aerea del Re della Notte su Drogon e Rhaegal è andata male, poiché Viserion ha perso rapidamente slancio dopo un attacco verticale dritto, lasciando Jon Snow e Daenerys Targaryen con una migliore consapevolezza situazionale e un vantaggio in quota. Il breve scontro tra Rhaegal e Viserion è inconcludente prima che Drogon arrivi per fare la differenza.

Secondo, il Re della Notte avrebbe potuto usarsi come esca per attirare Drogon o Rhaegal in una “scatola delle uccisioni” di Estranei con lance di ghiaccio. I piloti dell’aviazione popolare vietnamita usavano regolarmente tali tattiche per attirare i combattenti americani nella gamma di artiglieria antiaerea. Il Team Morti ha avuto un senso molto migliore della disposizione delle sue forze sul campo di battaglia, rendendo questa una manovra ovvia. Sia a causa di un fallimento di pianificazione o di esecuzione, il Re della Notte non ha generato questa trappola.

Esito

Il Team Morti è entrato in questa battaglia con enormi vantaggi in ogni categoria tranne la cavalleria e i draghi. Ha distrutto la cavalleria del Team Vivi e la maggior parte della sua fanteria in breve tempo, e ha anche ridotto il cenere la formidabile fortificazione di Grande Inverno. Il Team Morti ha comunque commesso degli errori, non riuscendo a sviluppare un piano coerente per sconfiggere i draghi del Team Vivi e non riuscendo ad anticipare la letalità degli operatori speciali del Team Vivi. L’inesperienza del Team Vivi nella lotta contro i morti era palpabile, ma anche al Team Morti mancava esperienza nel combattere una battaglia di questa portata contro una forza multiforme dei vivi. Sfortunatamente, il reparto “lezioni imparate” del Team Morti probabilmente si è sbriciolato in polvere poco dopo il Re della Notte.

Disclaimer: Le opinioni qui espresse appartengono a Robert Farley e non rispecchiano necessariamente quelle del Dipartimento della Difesa o dell’Esercito degli Stati Uniti.

***

Fonte: Robert Farley per Slate.com
Traduzione: Mariarosaria M.
Editing: Mariacristina M./Aranel
Images courtesy of HBO

***

Aranel

Graphic & Concept Designer, Illustrator and Cartoonist. But most of all, Art Lover. Daughter of the North. Nerd, and proud.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.