Serie Vs libri: 13 motivi per cui il finale potrebbe essere diverso

Ah, i libri delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, quale utopia…

La serie HBO Game of Thrones è giunta al termine, facendo calare il sipario con una delle stagioni televisive che più hanno diviso il pubblico. Tuttavia, i fan sono avvisati: hanno ancora davanti una lunga attesa, prima che George RR Martin concluda la saga letteraria.

Sembra sia passata un’eternità dalla pubblicazione de La Danza dei Draghi e dato che mancano ancora due romanzi, alcuni sono convinti che lo scrittore non finirà mai di scrivere. Martin ha annunciato che se il libro non dovesse uscire entro il 29 Luglio 2020, i fan avranno il diritto di imprigionarlo.

Recentemente, il tanto celebrato autore ha placato gli animi dei fan, sostenendo che i suoi libri avranno un finale diverso da quello della serie tv – ma come sarà?

Diamo uno sguardo a quello che sappiamo già…
1 – Sansa Stark

In TV, la Regina del Nord è finalmente a capotavola a Grande Inverno, ma i fan dei libri possono aspettarsi un percorso molto diverso prima della sua incoronazione a capo di uno Stato indipendente (sempre se succederà).

Nei romanzi di Martin, è un altro personaggio, Jeyne Poole, a sposare Ramsay Bolton.

I libri non ci sono ancora arrivati, ma sembra che Sansa non dovrà subire le orribili conseguenze del ‘Matrimonio Rosa’ o sopportare i complotti di Ditocorto. Detto questo, potrebbe sempre rendersi parte attiva della Battaglia dei Bastardi e salvare la situazione.

2 – Jeyne Poole

Parlando di Jeyne…

Nella prima stagione l’abbiamo vista per un istante. Nonostante nella serie alcuni personaggi siano spariti presto, l’eredità letteraria di Jeyne ha continuato a esistere in una delle sottotrame più scioccanti di Game of Thrones.

Dopo la decapitazione di Ned, Tywin Lannister finge che la ragazza sia Arya Stark e la dà in sposa a Ramsay, in modo che i Bolton possano reclamare il diritto di Signori del Nord (Roose Bolton è al corrente della bugia).

Jeyne è uno dei punti interrogativi della serie, ma la sua fuga da Ramsay assieme a Theon è stata data al personaggio di Sansa.

3 – Unicorni

Facciamo un salto in zona Harry Potter: c’è sicuramente un certo numero di fan di Game of Thrones dispiaciuto che la serie non abbia mai introdotto gli unicorni. Per fortuna, i lettori avranno di che gioire. In “StarTalk” di Neil DeGrasse Tyson, George Martin ha anticipato che in The Winds of Winter ci sarà un’interessante versione di questi animali fantastici.

Considerato che pare che gli unicorni abitino nella rocciosa Skagos (vicino al Mare dei Brividi), è possibile che li vedremo oltre la Barriera, insieme a Jon Snow.

A Porto Bianco, Wyman Manderly scopre che Rickon Stark è stato portato lì da Osha, suggerendo che gli unicorni avranno a che fare con il ritorno dello Stark dimenticato.

4 – Team Daenerys

Nonostante il team Dany sia arrivato all’ottava stagione pressoché intatto, i loro membri sono diminuiti in rapida successione. Dopo che Jorah, Missandei e Varys hanno incontrato il Creatore, Jon e Tyrion le hanno voltato le spalle velocemente.

Nei libri, i lealisti della Khaleesi sono un po’ diversi. Oltre alla presenza dell’enorme Belwas il Forte, assente nella serie, ser Barristan Selmy è ancora vivo e vegeto nei libri. Far perdere a Dany sia Barristan che Jorah per mano dell’esercito degli Estranei sarebbe un colpo di scena davvero tragico, ma dobbiamo aspettare e vedere cosa succederà.

5 – Metalupi

Nonostante ci abbiano fatto vedere Jon che accarezza Spettro prima dei titoli di coda, la scarsa presenza dei metalupi è sempre stata molto discussa dai fan di Game of Thrones. Mentre la serie ha tenuto lontani i leali animali degli Stark per problemi di budget, Martin è libero di fare ciò che vuole.

Nei libri ci sono numerosi indizi sulla natura da metamorfi di tutti i giovani Stark, ma per ora si tratta solo della punta dell’iceberg. Dal momento che il metalupo di Arya, Nymeria, comanda un branco di lupi che potrebbero rivelarsi utili nella battaglia di Grande Inverno, sicuramente Martin non metterà da parte i cuccioli tanto amati dai fan.

6- Azor Ahai

Una delle profezie più importanti riguarda l’identità di Azor Ahai, un mistero che rimane irrisolto sia nei libri che nella serie. Azor Ahai sarebbe un grande eroe, che porterà la pace in tutto il regno, e Martin ha sottolineato più volte l’importanza di questa figura leggendaria.

Nonostante i fan avessero pensato che questo personaggio sarebbe stato uno dei punti chiave del finale, Benioff e Weiss lo hanno saltato a piè pari (anche se si potrebbe dire che Jon è diventato Azor Ahai quando ha ucciso Daenerys).

Possiamo scommettere che nei libri il ‘Principe che fu Promesso’ sarà molto più rilevante.
O almeno… si spera.

7 . Lady Stoneheart

Un rammarico del fandom – lo stesso Martin se ne è lamentato – è l’assenza di Lady Stoneheart nella serie. Nei libri, Catelyn Stark viene riportata in vita dalla Fratellanza senza Vessilli e inizia la sua vendetta, uccidendo ogni Lannister e Frey che incontra.

Nella serie è Arya ad uccidere i Frey, durante il banchetto ‘speciale’ che serve alle Torri. Nonostante il suo ruolo nei libri sia ancora limitato, il fatto che questo personaggio abbia un posto particolare nel cuore di pietra di Martin vuol dire che avrà ancora molto da fare.

8 – Victarion Greyjoy

Un altro personaggio che non appare nella serie è Victarion Greyjoy. Il folle (almeno secondo chi scrive l’articolo, NdAranel: nei libri il folle tra i due fratelli è sicuramente Euron, piuttosto che Victarion) fratello di Euron viene ricordato spesso per la sua ascia a forma di kraken, ma Benioff e Weiss hanno unito i due, portando in scena il bruto barbuto interpretato da Pilou Asbaek.

Al momento, Victarion sta portando la sua Flotta di Ferro a Meereen, e all’orizzonte si intravede uno scontro infuocato con Daenerys. Game of Thrones si è lasciata Meereen (e Daario Naharis) alle spalle nella sesta stagione, e non ci è più tornata, dunque è difficile prevedere quanto tempo passeremo ancora nell’antica città nei libri di Martin.

9 – Evocatore di Draghi e il Corno di Joramun

Rimaniamo con i Greyjoy: il piano della famiglia di navigatori è quello di conquistare la tiranna Targaryen e controllare i suoi figli – draghi con un’arma leggendaria chiamata Evocatore di Draghi. Al momento, Victarion è in possesso di questo corno e si sta preparando a fare suoi i draghi di Dany.

I manufatti utili non finiscono qui. Nei libri è citato anche il ‘Corno d’Inverno’ (o Corno di Joramun): chiunque lo possieda potrà far crollare la Barriera, e sembra che gli Estranei lo useranno al posto di Viserion. Si pensava che nella seconda stagione della serie Sam lo avesse trovato, ma si trattava solamente di una falsa pista.

10 – Arianne Martell, Stella Nera e Myrcella

Un’altra vittima della terribile trama di Dorne della quinta stagione è stata Arianne Martell. Tra i personaggi preferiti dai fan, la principessa è una sorta di icona femminista e aveva un piano complicato per mettere sul trono di spade Myrcella Baratheon.

Al suo fianco c’è l’incredibile ser Gerold Dayne, meglio conosciuto come Stella Nera. Dayne è un combattente temuto, e ha tagliato un orecchio a Myrcella durante un attento fallito alla vita della giovane Baratheon.

Inoltre, il ruolo di Arianne nei libri conferma che Myrcella avrà un finale diverso e non morirà avvelenata da Ellaria Sand. La figlia di Cersei è probabilmente destinata ad una morte orribile, ma sembra che Martin abbia pianificato altro per lei.

11 – Ser Garlan il Galante

Nonostante nella serie i Tyrell siano morti e sepolti, nei libri c’è speranza che la famiglia di rose dorate viva per vedere la luce di un altro giorno. Margaery, Loras, Mace e Olenna potrebbero sempre fare la fine dei loro alter – ego televisivi, ma la HBO non ha mai incluso Garlan Tyrell.

Il futuro lord è il fratello maggiore di Margaery e Loras, e sarebbe dovuto essere presente durante gli eventi più importanti, come la Battaglia delle Acque Nere, il matrimonio di Sansa e Tyrion e quello di Joffrey. Non è un personaggio fondamentale, ma è abbastanza importante da essere stato citato da Martin nella lista dei personaggi assenti dalla serie.

12 – Aegon VI

Cercando di alleggerire le varie sottotrame, Game of Thrones ha eliminato del tutto il Giovane Griff e suo “padre” Griff.

Nei libri ci vengono presentati Jon Connington e suo figlio, Griff il Giovane, che sostengono che il ragazzo sia Aegon VI Targaryen, il figlio neonato di Rhaegar. Se pensiamo che il bambino in teoria è stato brutalmente ucciso dalla Montagna, le cose si fanno un po’ complicate.

Se Griff il Giovane fosse davvero Aegon VI, questo lo renderebbe un altro nipote di Dany e il fratello di Jon Snow. Dal momento che la Madre dei Draghi impazzirà cercando di sedersi su quel trono scomodissimo, farle presente che c’è un altro che potrebbe prendere il suo posto non le andrà molto bene.

13 – Il Valonqar

Una profezia che è stata modificata per la serie è quella di Maggy la Rana, che predice grandi disgrazie a Cersei Lannister. Nonostante nella serie arrivi una donna più giovane e più bella (Daenerys) a prenderle la corona, il destino di Cersei nei libri non è chiaro.

Speriamo che Martin continui ad esplorare l’idea del Valonqar, che “avvolgerà le sue mani” attorno alla “pallida gola” della regina e la “soffocherà finchè non morirà”. Se pensiamo alla maniera onestamente scialba in cui la leonessa di Lannister ci ha salutati, è probabile che GRRM abbia in mente qualcosa di diverso da un mattone caduto dall’alto per la dipartita della Cersei letteraria.

Allora, che ne pensate di tutte queste ipotesi e soluzioni? Preferireste un finale che tenga conto di conseguenze legate a tutte queste premesse, a questi fili ancora da tirare?
Ditecelo nei commenti!

***

Fonte: Digital Spy
Traduzione: Alessandra P.
Editing: Mariacristina M./Aranel

***

Aranel

Graphic & Concept Designer, Illustrator and Cartoonist. But most of all, Art Lover. Daughter of the North. Nerd, and proud.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.