Gwendoline Christie parla dei sentimenti di Brienne nell’ultima stagione e della gioia di avere fan creativi.

Brienne di Tarth, Cavaliere di Westeros, Regina dei Meme

Vedere Ser Brienne di Tarth nominata primo cavaliere donna nella storia di Westeros è stato tra i pochi e indiscussi momenti di gioia per i fan di “Game of Thrones” e la fabbrica di Meme di internet ha risposto di conseguenza.

Ma è stato un momento molto più tranquillo nell’episodio finale della serie a rompere ogni discriminazione: scrivere di Jaime Lannister nel Book of Brothers implica essere stata nominata Lord Comandante della Guardia Reale del re Bran.

E ciò comporta la creazione di ulteriori Meme.

“È stato davvero fantastico vedere una donna in qualità di comandante della guardia reale”, ha detto Gwendoline Christie, che ha interpretato Brienne. “Mi ha fatto molto piacere che ci sia stata un’alternativa ai ruoli di genere, con tutto ciò che questo comporta.”

Nel corso di una breve telefonata da Londra, dove sta provando una produzione teatrale di “Sogno di una notte di mezza estate”, Christie ha parlato del dolore che il suo personaggio ha dovuto sopportare e della risposta dei fan.

Qui di seguito alcuni estratti di questa conversazione.
Brienne ha avuto una delle storie più soddisfacenti in questa stagione. Accanto a momenti dolorosi, ci sono stati anche momenti di pura gioia, come la cerimonia del cavalierato. Il sorriso di Brienne è stato impagabile.

Ero molto consapevole del fatto che Brienne non avrebbe sorriso per tutta la serie. E nei libri, lei non sorride. Me lo sono appuntata, ma mi sono anche chiesta, “quand’è che sorriderà?” Perché quando succederà, sarà incredibilmente significativo. Così l’ho tenuto monitorato ogni stagione. Quando siamo arrivati alla stagione finale, mi sono chiesta se sarebbe stata questa la stagione in cui si sarebbe verificato questo momento? E così è stato.

Tutto è accaduto a diversi livelli per me, perché Brienne ha ricevuto qualcosa che voleva ma che era rassegnata a non ottenere mai. Era pronta a vivere senza di essa, si considerava già un cavaliere alle sue condizioni. Era un sogno impossibile. Quindi sono stata così felice per questo personaggio, questa donna non convenzionale che ha realizzato i suoi sogni e che, in un certo senso, ha anche prevalso sul patriarcato. E [il regista David Nutter] ha fatto sì che la crew applaudisse durante quella scena. Mi sono sentita davvero circondata e supportata da amici e mi è sembrato un successo personale anche per me come attrice. Mi sono sentita accettata anche io.

Ciò che “Game of Thrones” ha fatto in modo così efficace è ritrarre la vita in tutte le sue sfumature, mostrandoci le strutture che sono molto familiari all’interno dei nostri sistemi di potere.

Penso che sia essenziale vedere questo genere di cose nei nostri prodotti di intrattenimento perché, a mio parere, viviamo in un mondo in via di sviluppo. E come esseri umani, speriamo di vivere in un mondo che evolve, in cui possiamo avere libertà di scelta, autonomia e in cui speriamo possa esserci un equilibrio tra i sessi, uguaglianza. Queste cose ancora non esistono nel nostro mondo e non riesco a vedere alcun motivo per cui non possano esistere.

I fan hanno parlato molto della storia di Brienne in questa stagione, alcune persone hanno pensato che struggersi per un uomo la sminuisse come personaggio. Ma se la sua intenzione è quella di essere un personaggio completo, non dovrebbe avere sia una carriera che una vita sentimentale?

Sono assolutamente d’accordo con quello che dici. Quello che ho amato della storia di Brienne in questa stagione è che non solo ottiene un riconoscimento dei suoi successi, ma riesce anche ad avere una vita da essere umano. Riesce a esplorare le sue emozioni e ad entrare in un nuovo mondo. Non ha mai avuto un’esperienza sessuale prima ed è lei a scegliere di averla. È chiaro nella scena che è una sua scelta perché c’è una pausa e poi è lei che sceglie di dare il via a tutto. Il suo consenso è molto chiaro.

Mi ha fatto piacere che potessimo vederla così ed è stato interessante interpretare la sua storia. Ha una forza fisica e morale e queste due cose sono fantastiche, ma ciò che vogliamo davvero vedere è una rappresentazione di un essere umano, di una donna. E le persone vogliono amare. Vogliono sentire l’amore, anche se spesso non finisce nel modo in cui lo si desidera.

David Nutter ha detto che quando stavi girando la scena del rifiuto, ha chiesto a Nikolaj Coster-Waldau, che interpreta Jaime, di dirti qualcosa che non era nel copione, “Non ti amo più”, con lo scopo di sorprenderti.

Mi sono preparata per quella scena dal momento in cui ho ricevuto le sceneggiature. Ho fatto una lunga passeggiata dopo aver letto la sceneggiatura perché ero incredibilmente turbata dalla scena in cui Jaime se ne va, a causa del dolore che sapevo Brienne avrebbe provato. Per quanto sia cliché e sdolcinato, vuoi il meglio per il tuo personaggio. Non ti piace vederlo soffrire. E sapevo quanto sarebbe stato importante sentire quell’emozione e, cosa più importante, percepire quella relazione in quel momento.

Così ho preparato diversi esiti possibili e ho lavorato anche con David Nutter. Lui ha chiesto a Nikolaj di dirmi molte cose diverse e così ha chiesto a me di fare con Nikolaj, quindi non sono sicura di quale battuta non scritta abbia scatenato quella reazione. Ma penso di aver elaborato il tutto in questo modo: Brienne ha scelto questa esperienza sessuale, e dopo di essa, sente un amore molto profondo. Ha deciso di esporre se stessa, si è resa vulnerabile come non avrebbe mai potuto fare, e poi tutto si dissolve. Si sente distrutta.

Probabilmente non ha mai sperimentato quel tipo specifico di rifiuto prima.

È estremo, come lo è per ognuno di noi la prima volta che sperimentiamo il rifiuto da parte di qualcuno che amiamo. E non è solo quello. È il dissolversi di una relazione che durava da anni. Hanno visto parti l’una dell’altra che nessun altro ha mai visto. Quindi tutto questo è come un edificio che in quel momento cade travolgendola. Non si è mai trattato solo di sesso o amore, ma dell’intera relazione che l’è stata strappata via in quel momento.

Quello è stato anche il mio ultimo giorno di riprese a Belfast sul set di Winterfell ed è stato molto emozionante quando ho guardato la crew. Persone che non avrei più visto ogni giorno. È stato anche doloroso per me. Sono stata incredibilmente fortunata a interpretare questa parte ed è stato profondamente emozionante arrivare alla fine di questo viaggio con un personaggio che ha trasformato la mia vita. Mi è piaciuto moltissimo avere sette anni a disposizione per esplorare la psicologia del personaggio ed è stato sconvolgente realizzare che questi sarebbero stati i suoi ultimi momenti, e anche vedere un lato diverso del tuo personaggio. È incantevole. È sorprendente e sai bene che devi interpretare la sua storia incredibilmente bene.

Hai avuto occasione di vedere la reazione alla scena finale di Brienne? C’è questo meme su Brienne che scrive di Jaime nel Book of Brother della Guardia reale in cui i fan si sono inventati versioni alternative di quello che effettivamente scrive.

Sono rimasta estremamente sorpresa! Il mio amico [e stilista] Mel Ottenberg me ne ha mandati alcuni e anche un altro amico me li ha mandati, quindi ne ho ricevuti un bel po’. Devo ammettere, li ho trovati un vero spasso! Mi sono piaciuti moltissimo, in particolare quelli in cui si capisce che la gente non ha molto gradito la scelta di Jaime Lannister! Soprattutto perché non mi aspettavo che qualcuno prestasse attenzione a quella scena.

E sono lieta che abbia ispirato le persone ad essere così creative e ad essere arrabbiate per come è stata trattata Brienne. Ho inviato uno dei meme a Nikolaj Coster-Waldau e lui mi ha risposto: “L’hai inventato tu stessa”. (RIDE)

Quale?

Uno di quelli leggermente volgari, del tipo: “Abbiamo parlato della sua ex tutta la notte. Ragazzo strano.” Ho pensato che fosse davvero esilarante! Anche se Brienne è riuscita a raggiungere uno stadio diverso per scrivere quello che ha scritto, le persone sono ancora arrabbiate per lei. E ciò dimostra quante persone abbiano preso a cuore questo personaggio, quanto abbiano investito in lei. Come attrice, non posso davvero chiedere di più.

***

Fonte: New York Times
Traduzione: Monia R.
Editing: Mariacristina M./Aranel
Images courtesy of HBO

***

Aranel

Graphic & Concept Designer, Illustrator and Cartoonist. But most of all, Art Lover. Daughter of the North. Nerd, and proud.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.