Nikolaj Coster-Waldau spiega le fatidiche decisioni di Jaime Lannister in Game of Thrones

cersei-and-jaime
“Le cose che facciamo per amore …”

La morte di Jaime Lannister è stata ufficialmente confermata nell’episodio finale di Game of Thrones quando suo fratello Tyrion è devastato dal dolore nel trovare i corpi di Jaime e Cersei nelle cantine della Fortezza Rossa. Jaime ha incontrato un tragico e romantico finale tra le braccia dell’amore della sua vita e sorella gemella, Cersei Lannister. Lo Sterminatore di Re non è diventato uno Sterminatore di Regine, come molti si aspettavano. Jaime ha preso la controversa decisione di abbandonare la nobile Brienne di Tarth per ricongiungersi a sua sorella ormai spacciata nell’ora del suo più grande bisogno, mentre Approdo del Re viene assediata da Daenerys Targaryen. In tal modo, ha dato la priorità alla sua famiglia e alla sua tossica relazione incestuosa.

La decisione di Jaime è l’ultimo tassello del viaggio di uno dei personaggi più sorprendentemente amato dello show, un personaggio che si è presentato come un bullo prepotente che spinge un ragazzo giù dalla Torre nell’episodio pilota per poi in otto stagioni gradualmente trasformarsi in qualcosa che assomiglia ad un uomo onorevole – anche se sempre disposto a sacrificare vite innocenti per i propri fini. Jaime Lannister era l’ultimo personaggio chiaroscuro di Game of Thrones, un uomo impossibile da incasellare, che ha sempre seguito la sua oscura bussola morale.



L’attore danese Nikolaj Coster-Waldau ha interpretato il conflitto di questo cavaliere in modo egregio e affascinante e qui di seguito discute le decisioni fatali prese da Jaime nella stagione 8.

ENTERTAINMENT WEEKLY: cos’hai pensato quando sei arrivato alla parte dell’episodio 4 in cui Jaime va a letto con Brienne?

NIKOLAJ COSTER-WALDAU: Sono rimasto scioccato. Non avrei mai pensato che sarebbe successo. Sono sopravvissuti. Festeggiano. Hanno seppellito i morti. Si sentono enormemente sollevati. Ce l’hanno fatta. Bevono, sono felici. Iniziano a flirtare, lei se ne va, lui la segue nei suoi alloggi e all’improvviso succede. Subito dopo c’è il classico momento in cui lui pensa “Oh no” e poi la realtà prende il sopravvento. La battaglia per Approdo del Re incombe. Sente questo discorso molto specifico tra Sansa e Brienne e capisce che Daenerys sta per bruciare tutto. Quindi decide che deve tornare da sua sorella.


La scena con Brienne è stata imbarazzante considerando che tu e Gwendoline Christie siete amici da così tanto tempo?

È stato davvero strano. È stato imbarazzante. Cercavo di ridere e Gwendoline mi diceva, “Non ridere!” ma poi lui le dice addio. Le dice, “Non capisci, non sono un brav’uomo, sono un uomo terribile, sono proprio come mia sorella”, ed è straziante.

Parliamo di quella scena meravigliosa in cui la nomini cavaliere nell’episodio 2.

Jaime capisce Brienne, il suo sentirsi un outsider, la gente che ha opinioni prevenute su di lei. Il fatto è che è una donna ed è così grande, e tutte le cose che lui le ha detto per deriderla quando si sono incontrati la prima volta. Capisce il suo dolore, non vuole altro che essere riconosciuta per il suo valore. Quella è una scena meravigliosa che i ragazzi si sono inventati per far vedere che lui comprende la sua situazione. Dell’episodio 2, mi piace molto l’atmosfera, la sceneggiatura e il modo in cui l’abbiamo girato.

 
Poi, naturalmente, lui la lascia. Come ti sei sentito a riguardo?

Sai bene che tornerà indietro e che non ci sarà un lieto fine, vero? La cosa più difficile è che in realtà è stato trovato un equilibrio perché finisce con Brienne anche se per un breve momento. In un certo senso sa bene che non c’è alternativa. Per un attimo cerca di autoconvincersi che ci sia un’alternativa per la sua vita. Come pubblico, vuoi che riesca a prendere quella strada diversa. Ti chiedi se sia cambiato e se sia riuscito a sfuggire a quella relazione distruttiva. Ma ti rendi conto che è troppo legato al codice d’onore della famiglia e lui e Cersei hanno un forte legame a tutti i livelli. Non ha mai detto: “Cersei, non ti amo più”. Ha detto: “Ho intenzione di combattere per i vivi perché alla fine è l’unico modo perché tu e il bambino che porti in grembo possiate vivere”. Deve tornare indietro. È sola. Non ha altri al mondo che lui. Sa che deve tornare e provare a salvarla.


I fan avranno il cuore spezzato.

È straziante. Ha senso, anche se non vuoi che lo abbia. E gli ultimi momenti della sua vita, finalmente la trova ed è un bel finale.


Come ti sei sentito quando Jaime e Cersei sono morti insieme?

Ho pensato che fosse un finale fantastico per quella coppia. Lei non si sarebbe mai arresa. E lui lo dice a Bronn nella stagione 4. Bronn chiede: “Come vorresti morire?” E Jaime dice: “Tra le braccia della donna che amo”. Era già tutto previsto ed è quello che è successo. C’è almeno un momento in cui trovano una connessione: “Guardami, guardami negli occhi, siamo solo io e te …”


Il tuo personaggio è uno dei miei preferiti nello show perché è cambiato così tanto, o almeno così sembrava. Il Mastino è un altro.

Abbiamo lo stesso finale, è divertente. Entrambi legati alla famiglia.


Penso che i fan avrebbero voluto che riuscisse a liberarsi da quei legami.

Sarebbe stato meraviglioso se avesse potuto farlo. Lui e Brienne avrebbero potuto avere una vita insieme. Non ho dubbi al riguardo. Ma lo ribadisce lui stesso quando lascia Brienne. Lei gli dice “Non dovresti farlo”. E lui: “Ti sei mai tirata indietro di fronte ad una battaglia? Devo farlo.”


Le cose che fa per amore?

Le cose che fai per amore … devi farle. A un certo punto viene catturato. Ti domandi: “Tyrion, cosa stai facendo?” Tyrion avrebbe potuto salvare suo fratello non [liberandolo]. Ma impedire di andare da Cersei avrebbe ucciso Jaime – in un modo diverso, naturalmente.


Penso che molte persone, me compreso, abbiano pensato che si sarebbe trovato di fronte alla scelta se uccidere o meno Cersei; che ci sarebbe stata in qualche modo una rivisitazione della decisione presa per il Re Pazzo.

Non ho mai pensato che avrebbe ucciso Cersei. Non lo avrebbe mai fatto.


C’è qualcosa che non è successo a Jaime che avresti voluto succedesse?

Non vedevo l’ora di incontrare Bran, quindi sono contento che sia successo. Avrei voluto che la scena con Cersei alla fine fosse più lunga. Ma ci sono molti personaggi in questo show. È molto gratificante far parte di qualcosa che finisce.


Cosa ne pensi del finale dello show?

Non penso che avrebbero potuto fare di meglio. Ha senso. C’è una logica, senza essere ovvio.

***

Fonte: EW
Traduzione: Monia R.
Editing: Mariacristina M./Aranel

Aranel

Graphic & Concept Designer, Illustrator and Cartoonist. But most of all, Art Lover. Daughter of the North. Nerd, and proud.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.